Reborn Dolls

Nata all’inizio degli anni ’90, e presto divenuta di vaste proporzioni, la “moda” delle Reborn Dolls si è da tempo affermata anche da noi. Si tratta di bambole modificate a mano, attraverso un lungo processo artistico, per renderle il più realistiche possibili.

evie2

marnie2

Il processo di modificazione, chiamato reborning, consta in varie fasi in cui la pelle viene dipinta in successivi strati, per simulare la presenza delle vene e donare la giusta texture alla cute della bambola; i capelli e le sopracciglia vengono inserite una alla volta mediante un apposito ago, e le narici vengono lasciate aperte per permettere al bambolotto di “respirare”. Alcuni reborners (gli artisti di questa pratica) arrivano ad aggiungere all’interno della bambola un simulatore di battito cardiaco.

amyLouise1

canopy046

Il reborning, nato come forma d’arte di nicchia, è divenuto col tempo sempre più popolare, tanto che diverse industrie di settore hanno cominciato a produrre dei kit di bambole da assemblare e modificare.

Donna-Lee-originals-Corbin_(1)

Donna-Lee-Emmaline-comparison

Queste bambole iperrealistiche sono trattate come dei veri e propri bambini. La maggioranza dei collezionisti di Reborn Dolls infatti è costituita da donne, spesso anziane, che hanno perso un figlio, non ne possono avere, o hanno subito il trauma dell’aborto. Le Reborn Dolls sono quindi accudite, coccolate, messe a letto, nutrite, perfino portate in giro in carrozzina, come se fossero vive e reali. Anche l’acquisto online è usualmente proposto come un’adozione, più che una mera compravendita, e le bambole sono spesso corredate da finti certificati di nascita.

laura3

resized_DSC07937

Nella polemica che inevitabilmente è sorta, molti psicologi hanno sottolineato l’importanza terapeutica che potrebbero rivestire queste bambole nell’elaborazione del lutto: altri sostengono che sostituire il figlio morto con una bambola non sia di alcuna utilità per chi deve venire a patti con una triste realtà. Accudirle, infatti, potrebbe addirittura favorire la produzione di ossitocina, proprio come un bambino vero, causando così nella “madre” un forte attaccamento.

IMAG014

PC199383Crushed

Che sia una dolce illusione, o una fissazione maniacale, sembra proprio che delle reborn dolls si avvertisse il bisogno: le vendite su internet sono in costante crescita, nonostante il prezzo di certo non popolare (si va dai 300 alle diverse migliaia di dollari).

P.S. Se vi pare che queste bambole abbiano qualcosa di sinistro e inquietante, niente paura. Questo effetto è chiamato uncanny valley: secondo questa teoria, gli oggetti inanimati che raffigurano esseri viventi susciterebbero la nostra simpatia solo fino ad una determinata soglia di realismo, oltre la quale sarebbero percepiti come “troppo reali” e innaturali, e provocherebbero repulsione.

Share

11 commenti a Reborn Dolls

  1. Marisa scrive:

    Salve,
    Hai bambole reborn femminuccie da adottare?? se si, aspetto una tua risposta.

  2. Daniela scrive:

    Con la massima urgenza cerco donna che ha acquistato reborn perché non ha potuto avere figli et similia per intervista di tutto rispetto.
    Grazie.

    • maria cerullo scrive:

      Gentile da farmi sapere disponibilità di una bambola reborn d’adottare possibilmente con occhi aperti ed eventuali prezzo. Distinti saluti

  3. Sara scrive:

    Ciao, avresti delle bambole disponibili da adottare??? Aspetto una tua risposta…grazie

    P.S.
    Mi comunicheresti anche il prezzo??? grazie mille

  4. Sono meravigliose,le realizzo da anni e non ci trovo nulla di macabro,anzi!lo trovo un tentativo di celebrare la maraviglia di una nascita,aiutandosi con mezzi artistici che la tecnica reborn ci mette a disposizione.
    Fra le le mamme adottive
    delle mie creazioni non sono persone problematiche,sono semplicemente collezioniste o amanti
    dei bambini,le comprano perchè magari assomigliano alla nipotina,ai loro figli quando erano piccoli,oppure semplicemente perchè le apprezzano come creazioni artistiche.
    Mi è capitato che, chi avesse subito la perdita di un filgio o non ne avesse potuti avere,fosse turbato e infastidito nel vedere le reborn e mi chiedesse di allontanarle.
    Ho rispettato la loro sensibilità naturlamente…
    Il mio sito:

    wwww.wix.com/dreamangelsnursery/reborn

  5. valentina scrive:

    ciao volevo chiederti se hai femminuccie da adottare???
    E naturalmente mi sarebbe molto utile sapere il prezzo…
    grazie ciao…

  6. selene scrive:

    Non credo che sia soltanto 1 istinto materno mancato a spingere i possessori di queste bambole. Sono tenere, belle, ben eseguite, comode da tenere in mano, replicano la bellezza e dolcezza dei neonati senza le cose sgradevoli (cambio pannolino, scorregge, pianti, ruttino, vomito, febbre, vaccinazioni, capricci)
    le bambole in questione possono piacere a donne ma anche a bambine, che gradiscono peluche, bambolotti, cuccioli, tutto ciò che è morbido, caldo, affettuoso. Anche alla mia gatta piacciono i bambolotti pelosi, glieli avvicino e fà le fusa

  7. antonia scrive:

    voglio acquistarno una quanto mi costa? dove posso trovarle x ammirarle? io sono affascinata dalla loro bellezza VIVA …………………

  8. antonella scrive:

    sono fantastiche io ne ho 2 e non ci gioco ,ne le cambio il pannolino o quant’altro ,semplicemente x amore dei bambini le adoro e in futuro n vorrei una in silicone ma costano tantissimo e poi bisogna trovare un’artista che le sa fare bene come quelle americane che sono un sogno ,ciao grazie !

    • giusy cavalli scrive:

      salve, non sono assolutamente d’accordo con il servizio giornalistico
      io da anni realizzo bambole da collezione tra queste anche le bambole reborn che sono bambole dipinte e lavorate interamente a mano
      forse tra le persone che hanno preso da me queste bambole ci sarà anche qualcuno che si diverte a cambiare ,a pettinare ,a coccolare la bambola reborn ,ma anche gli uomini che collezionano trenini si divertono a costruire la ferrovia ed a giocare col trenino ……
      ma la maggior parte di persone che hanno le mie bambole sono vere collezioniste
      vi invito a visitare il mio sito e vi renderete conto di quanto lavoro occorre per realizzare una bambola rebor
      http://giusycavallibambole.jimdo.com/

Rispondi