Sarolta Bàn

Sarolta Bàn è un’artista del fotoritocco di 27 anni, di Budapest. Dopo essere stata designer di gioielli, si è dedicata alla fotografia e alla creazione di immagini ritoccate con Photoshop. Per completare uno dei suoi “quadri” le occorrono da poche ore a giorni di lavoro, e oltre 100 livelli diversi per singola immagine.

Le sue opere sono molto surreali, e hanno un’atmosfera magica e sospesa.  “Mi piace usare elementi comuni e, combinandoli, regalare loro varie storie, personalità. Spero che il significato delle mie immagini non sia mai troppo limitato, che resti aperto in qualche modo, così che ogni spettatore lo possa far divenire personale. Sono felice se diverse persone trovano diversi significati nelle mie immagini”.

Lasciatevi conquistare dalle strane e misteriose opere di questa giovane artista ungherese.

Trovate le altre opere sul photostream di Sarolta Bàn sul suo account Flickr.

8 commenti a Sarolta Bàn

  1. almacattleya ha detto:

    Davvero suggestive e surreali.

  2. nekomonogatari ha detto:

    Concordo sul suggestivi.

    Già che ci sono ne approfitto per chiedere il nome di un artista simile, non so se usi photoshop ma le sue immagini sono ambienti “catastrofici”, con vari elementi mischiati.
    Purtroppo non ricordo il suo nome e non ho immagini nell’hd.
    Grazie.

  3. milla ha detto:

    neko, potrebbe ricordare pure robert & shana parkeharrison (la serie architect’s brother http://www.parkeharrison.com/slides-architechsbrother/index.html) o roberto kusterle (la serie ανα χρονοϛ http://www.robertokusterle.it/gallery2/main.php?g2_itemId=488). meravigliosi tutti 🙂

  4. nekomonogatari ha detto:

    Purtroppo non è nessuno degli artisti citati.
    Cerco di descrivere meglio le immagini: quelle poche che ricordo avevano una visuale allontanata (niente primi piani) del paesaggio e c’erano eventi naturali (tipo cascate) fotomontate in altri ambienti (tipo foreste).
    Se conoscessi il nome di questo tipo di “stile” potrei fare una ricerca.

  5. nekomonogatari ha detto:

    Lo stile è molto simile, forse si può iniziare da qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *