La sfida della cannella

Sappiamo tutti come la rete favorisca talvolta il propagarsi virale di mode, tendenze e dei cosiddetti memi; se la maggior parte dei memi è innocuo e umoristico, alcuni di questi comportamenti possono essere piuttosto pericolosi, e la famigerata cinnamon challenge (sfida della cannella) ne è un buon esempio.

Diffusasi di recente, la sfida consiste in questo: si riempie un cucchiaio da tavola di cannella in polvere, e si cerca di inghiottirla. Ovviamente il tutto mentre un amico filma l’impresa, immortalandola per il popolo di YouTube. Cosa c’è di tanto pericoloso, direte? In fondo la cannella non è tossica.

La polvere di cannella non è altro che corteccia finemente macinata. Questa mistura è composta in prevalenza di cellulosa idrorepellente, e anche i restanti composti organici non sono particolarmente idrosolubili. L’aldeide cinnamica, ad esempio, che è la sostanza che dà alla cannella il gusto e il profumo, si scioglie nell’alcol ma molto poco in acqua. Un esperimento che può chiarire quanto poco la cannella ami l’acqua è contenuto in questo video:

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=EetH4igTK4c]

Questo significa, in poche parole, che una grossa quantità di polvere di cannella non può proprio essere deglutita. La saliva, che serve da lubrificante, non può scioglierla, e la polvere si attacca a tutte le pareti della bocca, del palato, della lingua… fino in gola, se cercate di inghiottirla. A questo punto, se provate a respirare, la finissima polvere verrà aspirata nei polmoni. E qui sta la parte davvero pericolosa; non solo un possibile soffocamento, cioè, ma anche il serio rischio di polmonite.

Eccovi una selezione delle centinaia di video che si possono trovare su YouTube:

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=mNQEcTGkAgM]

Fra tutte le varie “bravate” che si sono diffuse fra i ragazzi negli ultimi anni attraverso internet, la sfida della cannella è forse una delle più sciocche: primo, perché è truccata, e non può essere vinta; in secondo luogo, i danni provocati all’apparato respiratorio possono risultare permanenti. E se un amico si diverte tanto a vedervi soffocare, come accade nel video seguente, forse è ora di imparare a scegliere meglio le proprie compagnie.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=pcO_8axg3Fs]

17 commenti a La sfida della cannella

  1. Luca ha detto:

    La madre degli imbecilli è sempre incinta e diciamolo: se anche schiattano non lasciano cadaveri né bizzarri, né strani. 😀

  2. AlmaCattleya ha detto:

    Non sto neanche a commentare la stupidità di chi si cimenta in questa sfida.
    Vedere il video dell’idrorepellenza, mi ha fatto venire in mente il fior di loto. Potresti dedicare un post a questo fiore.

  3. Ariela ha detto:

    Mi ricorda una brutta esperienza che ho avuto da piccola con il Nesquik… e quello non è idrorepellente, immagino cosa può essere con la cannella 😛

  4. weirdposse ha detto:

    Adoro la cannella in ogni forma: nei dolci, nei profumi, nelle bevande, ma devo dire che questa bella bravata mi mancava! O__o bisogna essere veramente cretini…

  5. SiEich ha detto:

    A me risulta strano, io riesco ad ingerire la cannella anche a cucchiaiate l’ho sempre amata da morire e non mi ha mai dato effetti di soffocamento è anche vero che tendo a masticarla molto … Oggi appena torno dalla palestra ci riprovo, vi dirò come è andata…

  6. Gianluca ha detto:

    Dopo aver letto questo post, mi è venuto in mente il canale youtube di un certo “furiouspete123″…incredibilmente, il video in bacheca, riguardava questa sfida!
    http://www.youtube.com/watch?v=umNr_0pZpVU&list=UUspJ-h5Mw9_zeEhJDzMpkkA&feature=plcp

    Se ti va di dare un’occhiata al canale… potresti postare qualcosa sul mondo delle “Competitive eating”, un lento suicidio…
    P.S. bellissimi articoli

  7. Domenico Patania ha detto:

    Questo vuol dire che magari invece dell’acqua per buttar giù quella roba è meglio un bel bicchierino di vodka 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *