La città dell’oscurità

Immaginate una città che si sviluppi senza alcun tipo di controllo urbanistico. Immaginate le strade e i palazzi come un organismo vivente, arterie e cellule di un corpo la cui biologia interna è completamente impazzita. Immaginate appartamenti che crescono di giorno in giorno, uno sopra l’altro, come un tumore che aumenti a dismisura, piano dopo piano, senza che alcuna intelligenza centrale abbia mai messo mano a questo incubo architettonico, totalmente anarchico e sregolato.

La cittadella in questione era Caolun (Kowloon, in inglese), e quest’anno ricorre il ventennale della sua demolizione; dopo la difficile opera di evacuazione, con il crollo degli ultimi mattoni, finiva nel 1993 la storia stupefacente dell’unica città al mondo senza legge né regole.

kowloon_walled_city_hong_kong_gotham_batman2
Sorta prima dell’anno 1000, la città fortificata di Caolun, in Cina, era stata abbandonata e poi ricostruita a metà dell’800 dagli inglesi che controllavano Hong Kong. Abbandonata nuovamente, cominciò a ripopolarsi e divenne ben presto una zona autonoma, sviluppandosi velocemente grazie a un inspiegabile “buco” amministrativo e politico.
Le Triadi mafiose locali presero il potere proprio quando la cittadella, abitata da profughi della Seconda Guerra Mondiale e da dissidenti del regime Maoista, si stava ingrandendo; ma per fortuna nel 1974 una task force di 3.000 poliziotti sgominò le bande criminali, “liberando” Caolun dal giogo della mafia. Fu allora che la popolazione cominciò davvero a crescere.

Aerea_kowloon
Nel giro di dieci anni, il numero degli abitanti era aumentato vertiginosamente: 33.000 accertati, quasi 50.000 quelli stimati, in una “cittadella” che in realtà potrebbe benissimo essere definita un quartiere, viste le sue dimensioni ridotte (soltato 26.000 metri quadrati). Con un rapido calcolo vi accorgerete che la densità della popolazione a Caolun era davvero impensabile: quasi due milioni di esseri umani per km2.

LEGANERD_035557

kowloon-esterno
Le case venivano costruite a velocità folle, senza ingegneri o architetti, sopraelevando, occupando qualsiasi spazio libero: la mattina avreste potuto svegliarvi e scoprire che la vostra finestra non dava più sul consueto panorama, ma su un nuovo muro dell’edificio vicino. I cortili si chiudevano progressivamente, fino a diventare dei piccoli pozzi di aerazione, i vicoli si restringevano di giorno in giorno, e la luce del sole si allontanava sempre di più, sottile linea a malapena visibile fra le case che arrivavano a più di dieci piani. Caolun cominciò ad essere chiamata HakNam, la città delle tenebre, perché nei suoi vicoli era notte anche a mezzogiorno. Vennero istallati dei tubi fluorescenti lungo le claustrofobiche stradine, tenuti accesi costantemente.
Le case che continuavano a salire in verticale, accatastate le une sulle altre, fermarono la loro folle crescita per un solo motivo: evitare le rotte di atterraggio degli aerei del vicino aeroporto Kai Tak.

KowloonWalledCityAlley2

Kowloon-Walled-city-en-1990-2

kowloon-walled-city-vid-i-think
Eppure, al contrario di quanto si potrebbe pensare, la vita all’interno di questo caos architettonico era sorprendentemente tranquilla, e l’integrazione fra le diverse etnie presenti piuttosto pacifica. Sui tetti più alti erano stati piantati alberi e piccoli giardini dove i bambini potevano giocare; una settantina di pozzi garantivano l’acqua agli abitanti, finché il governo di Hong Kong non decise di portare acqua pulita e corrente elettrica fino ai margini della cittadella. La criminalità non era poi eccessivamente elevata, nonostante case da gioco, bordelli e droga fossero comuni, e lungo i vicoli nacquero negozi, piccole fabbriche, ristoranti e persino asili, scuole, anche una specie di tribunale.  Proliferavano gli studi medici senza autorizzazione, che però talvolta avevano un discreto livello di professionalità; ma, in generale, l’aspetto più disastroso era senz’altro la terribile condizione igienico-sanitaria.

crosssection

scm_news_1.1.nws_backart1_1_0

Alla fine degli anni ’80 i due governi di Hong Kong, quello inglese e quello cinese, si accordarono per mettere fine alla situazione ormai insostenibile, ed evacuarono la zona autonoma per demolirla infine nel marzo del 1993. I lavori terminarono nel 1994, con alcuni scavi archeologici che riportarono alla luce le antiche strutture preesistenti; oggi il sole finalmente splende nel parco cittadino ubicato proprio dove sorgeva l’oscuro e labirintico alveare di case.

Kowloon_Walled_City

(Grazie, Michele!)

12 commenti a La città dell’oscurità

  1. WebDataBank ha detto:

    Mi sembra improbabile che sia stata grande soltato 26 metri quadrati…

  2. Ico-Neko ha detto:

    Argomento interessantissimo…
    Conobbi Kowloon in quanto è una delle location in cui è ambientato uno dei videogiochi più belli della storia, il leggendario Shenmue…
    Però sebbene rimasi subito colpito dalla stranezza di quella parte di Hong Kong, scoprii solo molto tempo dopo quanto bizzarra fosse veramente la “Kowloon Walled City”…
    Quanto pagherei per poterci fare un giro, se solo esistesse ancora!

  3. Antonino ha detto:

    James G. Ballard ha scritto un racconto intitolato “C’è posto per tutti”. Potete trovarlo nella raccolta “Il Dio del 16° piano” di Fruttero e Lucentini (rimpianti). La realtà supera la fantasia anche questa volta. GRAZIE al curatore di questo prezioso blog. |:-)

  4. Marco L. ha detto:

    come sempre bravissimi…Grazie anche da parte mia per questo blog, continuate così!!

  5. Stefano ha detto:

    Su Youtube c’è un bellissimo quanto breve documentario in tedesco sottotitolato in inglese. Credo trasmetta a pieno quali dovevano essere le inquietudini, le atmosfere cupe dei neon alla Blade Runner, la quotidianità nonostante un contesto delirante ed allo stesso tempo il senso di protezione tipico del branco che era possibile respirare all’interno di quell’incredibile, irripetibile agglomerato umano. Ecco il link della prima parte: http://youtu.be/Lby9P3ms11w

  6. Celestino Santagata ha detto:

    Ringrazio perchè tramite un amico sono arrivato a voi. Ho visionato foto e altro e ho trovare di mio interesse il tutto. Ancora grazie!

  7. fagottokorovev ha detto:

    Sono appena incappato in questo video della WallStreetJournal:

    https://youtu.be/dj_8ucS3lMY

    Una storia davvero affascinante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *