Puntaspilli e fontane… umani

Cushio4

Human pincushion. Puntaspilli umani. Questo è il nome che veniva dato a quegli artisti che, all’interno dei sideshow, si conficcavano spilli e lame nella carne. Si trattava di un tipo di spettacolo estremo, affine a quello dei fachiri mediorientali, che come spesso accadeva nell’ambito circense faceva bella mostra dei limiti insospettabili del corpo umano.

Cushio3

Cushio1Banner

Esattamente come succedeva per i mangiatori di spade, anche qui non si trattava di un trucco: i performer si bucavano veramente la pelle, avendo scoperto i punti che in misura minore rispondevano alla violenza degli spilloni, e si procuravano delle ferite superficiali non molto distanti dagli odierni piercing. Ma all’epoca un simile spettacolo causava spesso malori nel pubblico, se non (a detta degli organizzatori) dei veri e propri infarti.

Cushio11

Cushio1Pina3

bryant

Cushio5

Ma, tra tutte le decine di “puntaspilli umani” che calcavano i palcoscenici di mezzo mondo, ce n’erano un paio di davvero incredibili. Erano le “fontane umane”, come ad esempio il misterioso Mortado.

La vita di Mortado rimane in gran parte sconosciuta: secondo la biografia che veniva raccontata nel sideshow, egli era nato a Berlino ed aveva combattuto durante la Prima Guerra Mondiale; si era esibito per la prima volta nel gennaio del 1929 prima di incontrare un agente di New York che gli aveva fatto firmare un contratto con il Dreamland Circus per la stagione estiva del 1930. Ma è difficile prendere per oro colato queste informazioni, visto che la stessa biografia sosteneva che le sue ferite fossero il risultato delle torture di fantomatici “selvaggi nativi”.

Fatto sta che Mortado aveva dei buchi nei palmi delle mani e dei piedi: quando non stava recitando sul palco, manteneva queste ferite aperte inserendovi dei tappi di sughero. Una volta iniziato lo spettacolo, si sedeva su un trono speciale dotato di tubi di rame che, inseriti nelle ferite aperte, lo trasformavano in una vera e propria fontana umana.

mortado-785755

Mortado, di tanto in tanto, proponeva una crocifissione biblica in diretta. Piazzava delle piccole sacche di liquido rosso nelle sue ferite, e lasciava che un assistente gli piantasse dei chiodi nelle mani e nei piedi: i sacchetti si rompevano, il sangue finto scorreva, e diverse persone nel pubblico svenivano.

tumblr_lnqhgsXJYG1qdhvyro1_500

Mentre la fama di Mortado diminuiva, fino a farlo scomparire nell’oblio, un altro uomo diveniva celebre per le sue doti sovrannaturali: l’olandese Mirin Dajo.

dajo_1

Il suo nome d’arte, in esperanto, significa “il meraviglioso”. Era nato nel 1912 a Rotterdam, con il nome di Arnold Gerrit Henskes. Mirin Dajo portò l’arte del puntaspilli umano a vette inarrivabili, eppure nascondeva un segreto molto più interessante.

dajo_5

Il suo spettacolo era davvero estremo: Mirin Dajo, con l’aiuto di un assistente, si faceva trapassare da una vera spada. La lama attraversava diversi organi vitali, senza sortire effetti nefasti. Le ferite, che avrebbero portato alla morte certa qualsiasi altro essere umano, sembravano non preoccupare Dajo che riusciva a camminare e muoversi perfino quando la spada aveva infilzato reni, fegato, polmoni o (secondo alcuni testimoni) addirittura il cuore. Senza la minima traccia di sangue.

dajo_3

In diverse occasioni alle lame vennero sostituiti dei tubi che, un po’ come faceva Mortado, pompavano acqua rendendo il corpo di Dajo una spettacolare fontana.

dajo_4

Tra i fachiri orientali non è inusuale un tipo di impresa simile: ma normalmente essi si trapassano gli strati grassi e “sicuri” del corpo, là dove una spada risulta, se non innocua, perlomeno non fatale. Mirin Dajo, invece, si bucava proprio nei punti più pericolosi. Come faceva? questione di fortuna, di fede, o di un apparato biologico unico?
Venne sottoposto a diversi test medici, a Basilea, per cercare di comprendere quale fosse il segreto della sua peculiare abilità. I dottori dell’epoca, nonostante le radiografie e le analisi, non riuscirono a capire come potesse Dajo sopravvivere a simili ferite traumatiche.

dajo_2

Ma Mirin Dajo aveva uno scopo ben più nobile. Era estremamente religioso, e convinto di essere in contatto con tre angeli custodi con i quali comunicava telepaticamente: si era risoluto ad entrare nel mondo dello spettacolo non perché lo amasse, ma semplicemente perché gli sembrava il modo più facile e veloce per diffondere il messaggio che sentiva di dover consegnare all’umanità. Un messaggio di pace, di amore e di abbandono del materialismo. Dopo ogni performance, cercava di impartire un breve e ispirato discorso al suo pubblico. Era sicuro che, di fronte al suo corpo indistruttibile, la gente avrebbe cominciato a credere a una forza che andava al di là della pura materia. Che il suo esempio sarebbe stato un simbolo dell’uomo che resiste alla morte, e avrebbe reso futili le guerre, l’odio, la violenza.

Purtroppo si trovò ben presto frustrato dallo show business, che non sapeva che farsene delle sue prediche misticheggianti; la sua carriera durò soltanto tre anni (come quella di Cristo, noteranno i più cinici), prima che Mirin Dajo morisse il 26 maggio del 1948, a causa di una perforazione dell’arteria aortica, forse proprio in seguito a uno dei suoi spettacoli “sovrumani” in cui aveva ingerito un chiodo che gli risultò fatale.

13 commenti a Puntaspilli e fontane… umani

  1. Daimon ha detto:

    Straordinario! Quindi non è stato scoperto come il suo corpo potesse resistere a certe pratiche?

    • bizzarrobazar ha detto:

      No… forse gli strumenti odierni avrebbero fatto maggiore luce, ma allora più di una radiografia non si poteva fare. 🙂

      • Daimon ha detto:

        Proprio un bel mistero. Oggi in tanti si trapassano braccia, mani e lembi di pelle, ma nessuno arriva a questi livelli. Grazie, ottimo articolo 🙂

  2. Kate ha detto:

    Un altro articolo che lascia senza fiato! Il mondo è incredibilmente bizzarro: uomini che muoiono per una ferita da niente e uomini che si fanno trapassare gli organi vitali con una spada e sopravvivono… Incredibile!

    • Michelaccio ha detto:

      Infatti è incredibile! La fotografia mostra il torace trafitto da una spada, che attraversa esattamente un polmone. Ora, lasciamo da parte il fatto che, con una simile ferita, il dolore sarebbe atroce, vi sarebbe una grave emorragia e il polmone, letteralmente trafitto, collasserebbe causando quasi il soffocamento ed il ricovero d’urgenza. Fenomeno paranormale?

      Io penso piuttosto ad un trucco, siamo di fronte ad un gioco di prestigio molto ben fatto.

  3. Meganerz ha detto:

    Articolo stupendo! complimenti!

  4. utentenonregistrato ha detto:

    incredibile, sempre documentatissimi i vostri articoli!!

  5. giorgio ha detto:

    Bello bello, mi approccio solo oggi al vostro blog, inutile dirvi che sono già il vs fan numero uno!!!

  6. calliroe ha detto:

    ciao bizzarro! ti volevo segnalare paraphilia magazine: http://www.paraphiliamagazine.com
    lo trovo molto molto interessante (mai quanto bizzarro bazar, OVVIAMENTE! anche perchè il mio inglese è un po’ traballante…)

  7. calliroe ha detto:

    ancora un “interessante” e siamo a posto… un dizionario dei sinonimi e contrari a me, subito! ok. adesso la pianto di scrivere e autorispondermi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *