Martiri

Roma, il Pomarancio e l’arte sacra crudele

martirio_thomas_cranmer_1563

I martiri costituiscono uno dei temi prediletti dall’arte cristiana fin dagli albori. Eppure inizialmente le rappresentazioni dei supplizi subìti dai santi in testimonianza della loro fede mostravano comunque dei toni abbastanza neutri. Come scrive Umberto Eco nella sua Storia della bruttezza:

Raramente nell’arte medievale il martire è rappresentato imbruttito dai tormenti come si era osato fare col Cristo. Nel caso di Cristo si sottolineava l’immensità inimitabile del sacrificio compiuto, mentre nel caso dei martiri (per esortare a imitarli) si mostra la serenità serafica con cui essi sono andati incontro alla propria sorte. Ed ecco che una sequenza di decapitazioni, tormenti sulla graticola, asportazione dei seni, può dar luogo a composizioni aggraziate, quasi in forma di balletto. Il compiacimento per la crudeltà del tormento sarà caso mai reperibile più tardi […], nella pittura seicentesca.

In realtà già nel Tardo Manierismo, vale a dire verso la fine del ‘500, la Controriforma aveva riportato una rigorosa ortodossia nell’arte sacra; nel 1582 il Cardinale Gabriele Paleotti pubblica il suo fondamentale Discorso intorno alle immagini sacre e profane, in cui vengono dettate le direttive iconografiche ecclesiastiche da seguire. Da questo momento gli artisti dovranno concentrarsi su scene bibliche educative, di immediata lettura, allontanandosi dai temi classici e attenendosi scrupolosamente a quanto riportato nelle Scritture; nel caso dei martiri, si dovrà cercare di rendere il più possibile concreta la descrizione della sofferenza, in modo da favorire l’immedesimazione del fedele. In questo clima di propaganda, nacquero quindi affreschi e dipinti di una violenza senza precedenti.

A Roma soprattutto si trovano alcune chiese particolarmente ricche di simili raffigurazioni. La più significativa è quella di Santo Stefano Rotondo al Celio; poco distante si trova la Chiesa dei Santi Nereo e Achilleo; in via Nazionale, invece, sorge la Basilica di San Vitale. Innumerevoli altri esempi sono sparsi un po’ ovunque nella capitale, ma queste tre chiese da sole costituiscono una sorta di enciclopedia illustrata della tortura.

In particolare le prime due ospitano gli affreschi di Niccolò Circignani detto il Pomarancio (ma attenzione, perché il nomignolo venne dato anche a suo figlio Antonio e al pittore Cristoforo Roncalli). Autore manierista ma lontano dagli eccessi bizzarri del periodo, Niccolò Circignani mostrava una spiccata teatralità compositiva, e un’esecuzione semplice ma efficace, dai colori vivaci e incisivi.

Celio_-_s_Stefano_Rotondo_1040178-80

20150215_101327

20150215_100827

20150215_100827b

20150215_101053

20150215_101728

Untitled-5

Untitled-6
Il ciclo del martiriologio a Santo Stefano Rotondo è impressionante ancora oggi per il realismo cruento e a tratti rivoltante delle scene: dal supplizio di Sant’Agata, a cui le tenaglie dilaniano il petto, alla lapidazione del primo martire della storia (Santo Stefano, appunto), fino alla “pena forte e dura“, le pareti della chiesa sono un susseguirsi di santi bolliti vivi o soffocati dal piombo fuso, lingue strappate, occhi e budella sparse, corpi fatti a pezzi, mazzolati, bruciati, straziati in ogni possibile variante.

20150215_100738b

20150215_100840

20150215_101216

20150215_101238

20150215_101510

20150215_101526

20150215_101613

20150215_101622

20150215_101601

20150215_101708

Sempre al Pomarancio sono attribuite altre opere situate nella Chiesa dei Santi Nereo e Achilleo. Qui San Simone viene segato a metà a partire dal cranio, San Giacomo Maggiore decapitato, San Bartolomeo scorticato vivo, e via dicendo.

5436818602_559f6c182c_o

5436822184_67cf6331e3_o

5436211495_83462b1130_o

Tortura5

5436819140_23d2f976ca_o

Tortura1

Nella Basilica di San Vitale possiamo ammirare il santo omonimo che viene prima torturato sulla ruota, e poi sepolto vivo – anche se in questo caso i dipinti sono ad opera di Agostino Ciampelli. La chiesa contiene anche decapitazioni e teste mozzate.

San_Vitale_giorgio_clementi

Tortura2

ciampelli-dx

Tortura4

Certo, nelle intenzioni queste scene dovevano essere educative, e spingere all’imitazione di questi esempi di fede incrollabile. Ma che dire dell’evidente compiacimento nel mostrare le varie torture e i supplizi? Il nostro sadismo non è forse stuzzicato da queste rappresentazioni?

È questo fascino oscuro che spinge Eco a parlare di “erotica del dolore“; e d’altronde Bataille termina il suo excursus nell’arte erotica (Le lacrime di Eros) sulla fotografia di un condannato alla pena cinese del lingchi, la morte dai mille tagli, “inevitabile conclusione di una storia dell’erotismo” e simbolo dell’ “erotismo religioso, l’identità dell’orrore e del religioso“.
Fotografia talmente insostenibile che il filosofo confessa: “a partire da questa violenza – ancora oggi io non riesco a propormene un’altra più folle, più orribile – io fui così sconvolto che accedetti all’estasi“. Rapimento mistico, orgasmo e orrore sono, per Bataille, inscindibili.

v6Bs0

Questa seduzione ambigua delle immagini violente, però, è intrinseca in ogni crudeltà. Il concetto trova infatti origine in due ceppi etimologici diversi – da una parte cruor, la carne sanguinosa, il sangue sparso, e dall’altra crudus, il crudo, tutto ciò che è animalesco, primordiale e non ancora conquistato dalla cultura umana (conoscere il fuoco e utilizzarlo per cuocere il cibo è, sostiene Lévi-Strauss ne Il crudo e il cotto, uno dei momenti fondanti dell’umanità, rispetto alla vita bestiale).
In questo senso la crudeltà oscilla fra due opposti perturbanti: l’orrore e l’oscenità della violenza, e il segreto giubilo di vedere riaffiorare l’istinto represso, che minaccia l’ordine costituito.
Starebbe in questo nucleo di sentimenti contrapposti la calamita che attira il nostro sguardo verso simili immagini, eccitandoci e repellendoci al tempo stesso, e forse facendoci in questo modo accedere alla parte più nascosta del nostro essere.

 3296820149_4bc8d8a9fa_b

Per approfondire i risvolti concettuali della crudeltà, il saggio di riferimento è l’eccellente Filosofia della crudeltà. Etica ed estetica di un enigma di Lucrezia Ercoli.
Se vi interessa conoscere meglio la figura del Pomarancio, ecco un esaustivo podcast di Finestre sull’arte.

25 commenti a Martiri

  1. Carlo ha detto:

    Fantastico, come sempre.

  2. Buessa ha detto:

    Il tour a tema nel week-end è d’obbligo. “Rapimento mistico, orrore e orgasmo” 🙂

    • bizzarrobazar ha detto:

      Gli affreschi di Santo Stefano Rotondo sono attualmente per metà in restauro, ma una visita vale comunque la pena.
      Per la Chiesa dei Santi Nereo e Achilleo, la visita va prenotata presso la Parrocchia di S. Maria in Vallicella (Tel. 335.401789; 06.6875289, giorni feriali ore 9-10, festivi 11-12.30).
      Buon tour! 😉

  3. AlmaCattleya ha detto:

    Ciao. Scusami per l’O.T. ma ho pensato che quest’argomento ti potesse interessare.
    Ho finito oggi di leggere il libro Una bambina di Torey L. Hayden, chiamata la “maestra dei casi difficili” e pensavo anche a Genie Wiley che è stata molto studiata. In poche parole sto parlando dei bambini ferali, tenuti chiusi in isolamento.
    Pensavo di parlarne al mio blog e ho pensato che anche a te potesse interessare

  4. Livio ha detto:

    Articolo splendido, come al solito!

  5. Livio ha detto:

    Articolo splendido, come al solito! Un’ottima ragione per tornare a Roma…

  6. mari ha detto:

    siete ogni volta una scoperta meravigliosa. se ci fosse da scrivere un elenco delle gioie della vita sarebbe sicuramente aprire bizzarrobazar ogni sera e trovare un articolo come questo. vi amo moltissimo. ogni giorno di più.

  7. Grazie per il Bellissimo Articolo.Conoscevo il Luogo ma come Sempre appartiene a Cose di Nicchia.Condiviso sulla mia pagina FB “The Warp Spot” L’altra faccia dei Misteri.Una nota sullla penultima Immagine in BN ..Mi ricorda una del Film “L’impero dei sensi” mostrata alla fine con Donna con Seni strappati…Era la rivolta dei Boxer,E in quell’Evento Cristiani (O Semplici Persone) furono Martirizzati con tecnice arcaiche..In Cina…Come esocannibalismo durante la rivoluzione Maoista.Salutando questa Preziosissima Pagina sono davvero Onorato di farla conoscere a parecchie persone che non sanno che Esista.Ma C’E’ nella sua Immenzsa Originalita ! Grazie mi pare il Minimo da dire .LWD***Libero Ricercatore Storico***

  8. Gianluca, TheDancingLeper ha detto:

    Ecco l’articolo che aspettavo! Al prossimo tour includerò gli affreschi. Gran segnalazione, la comunità di Atlas Obscura ti sarebbe grata debitrice

  9. Andrea ha detto:

    Ai tempi non c’erano i video dell’ISIS e ci si arrangiava(molto bene,con risultati notevoli sul piano estetico) con la pittura sacra!

  10. Paolo ha detto:

    Articolo interessante come sempre.
    Hai mai letto la rivista Cuore, negli anni 90 hanno regalato le carte da gioco “Le allegre vite dei santi”… ogni carta una scena di martirio 🙂

  11. fagottokorovev ha detto:

    A rischio di ripetermi, e’ davvero sempre una bella sorpresa trovare nella casella email un nuovo articolo di BizzarroBazar. E ancora piu’ bello ed intrigante lasciare la pagina non prima di aver segnato qualche nuovo libro, film o personaggio da cercare, riprendere, approfondire.
    Continuate cosi’, Ad maiora semper!

  12. irene ha detto:

    Consiglio cinefilo obbligatorio, Martyrs, di Pascal Laugier, 2008. (ma attenti, è un po’ estremo per chi non è abituato all’horror, anche se non è un horror. cioè, sì, ma no.)

  13. RigorMortis ha detto:

    Gli affreschi sono splendidi , spero un giorno di poterla andare a vedere questa chiesa! Certo però che ne avevano di fantasia nell’inventarsi delle morti così orrende eh.. alla faccia dell’innocenza cristiana ;P

    • bizzarrobazar ha detto:

      Questo tipo di creatività umana è pressappoco una costante nel tempo e nello spazio…

      • RigorMortis ha detto:

        Ah be si, ma se è usata come un modo per esorcizzare certe paure o semplicemente come espressione artistica o estetica va benissimo, sono la prima ad esserne un’estimatrice 🙂

        • bizzarrobazar ha detto:

          Sì, certo. Intendevo dire che i metodi di uccisione che vedi negli affreschi, purtroppo, non sono frutto di fantasia. 😉

  14. RigorMortis ha detto:

    Comunque mi piace tanto il tuo blog, e non sono una lettrice di blog. Ci sono incappata spesso cercando su internet vari argomenti che mi incuriosiscono, bizzarrobazar c’era sempre! Complimenti,mi piace anche come scrivi,sempre diplomatico e moderato, come tutte le persone molto intelligenti.

    • bizzarrobazar ha detto:

      Grazie mille, se Bizzarro Bazar spunta sempre fuori nelle tue ricerche vuol dire che anche tu sei una persona intelligente! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.