La Morgue, yesterday and today

Regarding the Western taboo about death, much has been written on how its “social removal” happened approximately in conjunction with WWI and the institution of great modern hospitals; still it would be more correct to talk about a removal and medicalization of the corpse. The subject of death, in fact, has been widely addressed throughout the Twentieth Century: a century which was heavily imbued with funereal meditations, on the account of its history of unprecedented violence. What has vanished from our daily lives is rather the presence of the dead bodies and, most of all, putrefaction.

Up until the end of Nineteenth Century, the relationship with human remains was inevitable and accepted as a natural part of existence, not just in respect to the preparation of a body at home, but also in the actual experience of so-called unnatural deaths.
One of the most striking examples of this familiarity with decomposition is the infamous Morgue in Paris.

Established in 1804, to replace the depository for dead bodies which during the previous centuries was found in the prison of Grand Châtelet, the Morgue stood in the heart of the capital, on the île de la Cité. In 1864 it was moved to a larger building on the point of the island, right behind Notre Dame. The word had been used since the Fifteenth Century to designate the cell where criminals were identified; in jails, prisoners were put “at the morgue” to be recognized. Since the Sixteenth Century, the word began to refer exclusively to the place where identification of corpses was carried out.

Due to the vast number of violent deaths and of bodies pulled out of the Seine, this mortuary was constantly filled with new “guests”, and soon transcended its original function. The majority of visitors, in fact, had no missing relatives to recognize.
The first ones to have different reasons to come and observe the bodies, which were laid out on a dozen black marble tables behind a glass window, were of course medical students and anatomists.

This receptacle for the unknown dead found in Paris and the faubourgs of the city, contributes not a little to the forwarding of the medical sciences, by the vast number of bodies it furnishes, which, on an average, amount to about two hundred annually. The process of decomposition in the human body may be seen at La Morgue, throughout every stage to solution, by those whose taste, or pursuit of science, leads them to that melancholy exhibition. Medical men frequently visit the place, not out of mere curiosity, but for the purpose of medical observation, for wounds, fracturs, and injuries of every description occasionally present themselves, as the effect of accident or murder. Scarcely a day passes without the arrival of fresh bodies, chiefly found in the Seine, and very probably murdered, by being flung either out of the windows which overhang the Seine river, or off the bridges, or out of the wine and wood-barges, by which the men who sell the cargoes generally return with money in their pockets […]. The clothes of the dead bodies brought into this establishment are hung up, and the corpse is exposed in a public room for inspection of those who visit the place for the purpose of searching for a lost friend or relative. Should it not be recognised in four days, it is publicly dissected, and then buried.

(R. Sears, Scenes and sketches in continental Europe, 1847)

This descripton is, however, much too “clean”. Despite the precautions taken to keep the bodies at low temperature, and to bathe them in chloride of lime, the smell was far from pleasant:

For most of the XIX Century, and even from an earlier time, the smell of cadavers was part of the routine in the Morgue. Because of its purpose and mode of operation, the Morgue was the privileged place for cadaveric stench in Paris […]. In fact, the bodies that had stayed in the water constituted the ordinary reality at the Morgue. Their putrefaction was especially spectacular.

(B. Bertherat, Le miasme sans la jonquille, l’odeur du cadavre à la Morgue de Paris au XIXe siècle,
in Imaginaire et sensibilités au XIXe siècle, Créaphis, 2005)

What is curious (and quite incomprehensible) for us today is how the Morgue could soon become one of the trendiest Parisian attractions.
A true theatre of death, a public exhibition of horror, each day it was visited by dozens of people of all backgrounds, as it certainly offered the thrill of a unique sight. It was a must for tourists visiting the capital, as proven by the diaries of the time:

We left the Louvre and went to the Morgue where three dead bodies lay waiting identification. They were a horrible sight. In a glass case one child that had been murdered, its face pounded fearfully.

(Adelia “Addie” Sturtevant‘s diary, September 17, 1889)

The most enlightening description comes from the wonderful and terrible pages devoted to the mortuary by Émile Zola. His words evoke a perfect image of the Morgue experience in XIX Century:

In the meantime Laurent imposed on himself the task of passing each morning by the Morgue, on the way to his office. […]When he entered the place an unsavoury odour, an odour of freshly washed flesh, disgusted him and a chill ran over his skin: the dampness of the walls seemed to add weight to his clothing, which hung more heavily on his shoulders. He went straight to the glass separating the spectators from the corpses, and with his pale face against it, looked. Facing him appeared rows of grey slabs, and upon them, here and there, the naked bodies formed green and yellow, white and red patches. While some retained their natural condition in the rigidity of death, others seemed like lumps of bleeding and decaying meat. At the back, against the wall, hung some lamentable rags, petticoats and trousers, puckered against the bare plaster. […] Frequently, the flesh on the faces had gone away by strips, the bones had burst through the mellow skins, the visages were like lumps of boned, boiled beef. […] One morning, he was seized with real terror. For some moments, he had been looking at a corpse, taken from the water, that was small in build and atrociously disfigured. The flesh of this drowned person was so soft and broken-up that the running water washing it, carried it away bit by bit. The jet falling on the face, bored a hole to the left of the nose. And, abruptly, the nose became flat, the lips were detached, showing the white teeth. The head of the drowned man burst out laughing.

Zola further explores the ill-conealed erotic tension such a show could provoke in visitors, both men and women. A liminal zone — the boundaries between Eros and Thanatos — which for our modern sensibility is even more “dangerous”.

This sight amused him, particularly when there were women there displaying their bare bosoms. These nudities, brutally exposed, bloodstained, and in places bored with holes, attracted and detained him. Once he saw a young woman of twenty there, a child of the people, broad and strong, who seemed asleep on the stone. Her fresh, plump, white form displayed the most delicate softness of tint. She was half smiling, with her head slightly inclined on one side. Around her neck she had a black band, which gave her a sort of necklet of shadow. She was a girl who had hanged herself in a fit of love madness. […] On a certain occasion Laurent noticed one of the [well-dressed ladies] standing at a few paces from the glass, and pressing her cambric handkerchief to her nostrils. She wore a delicious grey silk skirt with a large black lace mantle; her face was covered by a veil, and her gloved hands seemed quite small and delicate. Around her hung a gentle perfume of violet. She stood scrutinising a corpse. On a slab a few paces away, was stretched the body of a great, big fellow, a mason who had recently killed himself on the spot by falling from a scaffolding. He had a broad chest, large short muscles, and a white, well-nourished body; death had made a marble statue of him. The lady examined him, turned him round and weighed him, so to say, with her eyes. For a time, she seemed quite absorbed in the contemplation of this man. She raised a corner of her veil for one last look. Then she withdrew.

Finally, the Morgue was also an ironically democratic attraction, just like death itself:

The morgue is a sight within reach of everybody, and one to which passers-by, rich and poor alike, treat themselves. The door stands open, and all are free to enter. There are admirers of the scene who go out of their way so as not to miss one of these performances of death. If the slabs have nothing on them, visitors leave the building disappointed, feeling as if they had been cheated, and murmuring between their teeth; but when they are fairly well occupied, people crowd in front of them and treat themselves to cheap emotions; they express horror, they joke, they applaud or whistle, as at the theatre, and withdraw satisfied, declaring the Morgue a success on that particular day.
Laurent soon got to know the public frequenting the place, that mixed and dissimilar public who pity and sneer in common. Workmen looked in on their way to their work, with a loaf of bread and tools under their arms. They considered death droll. Among them were comical companions of the workshops who elicited a smile from the onlookers by making witty remarks about the faces of each corpse. They styled those who had beenburnt to death, coalmen; the hanged, the murdered, the drowned, the bodies that had been stabbed or crushed, excited their jeering vivacity, and their voices, which slightly trembled, stammered out comical sentences amid the shuddering silence of the hall.

(É. Zola, Thérèse Raquin, 1867)

In the course of its activity, the Morgue was only sporadically criticized, and only for its position, deemed too central. The curiosity in seeing the bodies was evidently not perceived as morbid, or at least it was not considered particularly improper: articles on the famous mortuary and its dead residents made regular appearance on newspapers, which gladly devoted some space to the most mysterious cases.
On March 15, 1907 the Morgue was definitively closed to the public, for reasons of “moral hygiene”. Times were already changing: in just a few years Europe was bound to know such a saturation of dead bodies that they could no longer be seen as an entertainment.

And yet, the desire and impulse to observe the signs of death on the human body never really disappeared. Today they survive in the virtual morgues of internet websites offering pictures and videos of accidents and violence. Distanced by a computer screen, rather than the ancient glass wall, contemporary visitors wander through these hyperrealistic mortuaries where bodily frailness is articulated in all its possible variations, witnesses to death’s boundless imagination.
The most striking thing, when surfing these bulletin boards where the obscene is displayed as in a shop window, is seeing how users react. In this extreme underground scene (which would make an interesting object for a study in social psychology) a wide array of people can be found, from the more or less casual visitor in search of a thrill, up to the expert “gorehounds”, who seem to collect these images like trading cards and who, with every new posted video, act smart and discuss its technical and aesthetic quality.
Perhaps in an attempt to exorcise the disgust, another constant is the recourse to an unpleasant and out-of-place humor; and it is impossible to read these jokes, which might appear indecent and disrespectful, without thinking of those “comical companions” described by Zola, who jested before the horror.

Aggregators of brutal images might entail a discussion on freedom of information, on the ethics and licitness of exhibiting human remains, and we could ask ourselves if they really serve an “educational” purpose or should be rather viewed as morbid, abnormal, pathological deviations.
Yet such fascinations are all but unheard of: it seems to me that this kind of curiosity is, in a way, intrinsic to the human species, as I have argued in the past.
On closer inspection, this is the same autoptic instinct, the same will to “see with one’s own eyes” that not so long ago (in our great-great-grandfathers’ time) turned the Paris Morgue into a sortie en vogue, a popular and trendy excursion.

The new virtual morgues constitute a niche and, when compared to the crowds lining up to see the swollen bodies of drowning victims, our attitude is certainly more complex. As we’ve said in the beginning, there is an element of taboo which was much less present at the time.
To our eyes the corpse still remains an uneasy, scandalous reality, sometimes even too painful to acknowledge. And yet, consciously or not, we keep going back to fixing our eyes on it, as if it held a mysterious secret.

 

33 comments to La Morgue, yesterday and today

  1. Bellissimo articolo! Complimenti!

  2. gery says:

    Interessantissimo articolo, come sempre!

    Riguardo al confine fra Eros e Thanatos, lessi un po di tempo fa, un trattato sulla pedagogia nera di Alice Miller, “La persecuzione del bambino”. In un passaggio in cui illustrava la pedagogia del passato, citò un pedagogo del 700, che consigliava ai genitori (o tutori) che volevano soddisfare le curiosità sessuali nei ragazzini, di far loro passare una giornata in un obitorio, magari dove possibile di assistere ad una dissezione.
    Questo perchè era considerato moralmente inaccettabile la visione un corpo nudo di una persona viva. Un cadavere era considerato un esercizio serio: ” Lo spettacolo di un cadavere ispira gravità e induce alla riflessione, e questa è l’atmosfera migliore che un bambino possa sperimentare in simili circostanze.”

    • bizzarrobazar says:

      Grazie gery per la curiosa segnalazione. Sarebbe interessante capire se questa era un’idea isolata, una “trovata” di quel particolare pedagogo, oppure se aveva qualche pur minima diffusione. I bambini avevano in effetti libero accesso alla Morgue nell’800, ma non ho mai letto di simili “gite” educative all’obitorio riguardo ai secoli precedenti. Sapresti per caso rintracciare il nome del pedagogo citato nel libro?

      • gery says:

        Si volentieri! Anche se ho l’impressione che sia più che altro un consiglio dell’autore, più che una vera e propria consuetudine. La Miller mette un certo J. Oest, 1787. La citazione della Miller non è di prima mano, lei stessa l’ha presa dal libro “Schwarze Pädagogik” di Katharina Rutschky.

        Se vuoi qui c’è la versione in inglese del libro della Miller, con giusto quel passaggio: https://books.google.it/books?id=wNXZOf_T7LAC&pg=PA46&lpg=PA46&dq=%22J.+Oest%22+1787&source=bl&ots=OTuLkypGTd&sig=FBUCGyCRHD_S2ugLtYa-wx5t1WE&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwiMucyNo4zOAhXKWhoKHR9IAb0Q6AEIHjAA#v=onepage&q=%22J.%20Oest%22%201787&f=false

        • bizzarrobazar says:

          Grazie infinite! Ho trovato il testo integrale originario di Joahnn F. Oest, è presente su Wikisource. 🙂

          • gery says:

            Wow grande :D! Io per esempio, non ero riuscita a trovarlo!

          • bizzarrobazar says:

            Tra l’altro, riflettevo sul fatto che la Miller interpreta quel passaggio come un esempio della volontà di “disgustare” sistematicamente il bambino – una violenza orrenda che avrà deleteri effetti sulla sua psiche (“the groundwork is thus being laid for the development of future perversions“).
            La Miller ovviamente considera il tutto dal suo punto di vista di psicologa; ma un antropologo della morte forse sarebbe stato più cauto.
            Viene cioè da chiedersi – sempre prendendo per “serio” un provvedimento pedagogico di questo genere – se un bambino del ‘700 sarebbe stato segnato dalla vista di un cadavere allo stesso modo di un bambino del XX Secolo. All’epoca di Oest il ragazzino, cresciuto in un frame storico-culturale ben diverso dal nostro, avrebbe avuto forse più strumenti per metabolizzare la vista di un morto?
            Insomma, è tutto da dimostrare che una simile “lezione anatomica” sarebbe stata per lui un momento così traumatico e sconvolgente come l’autrice presuppone.

          • gery says:

            Si! Diciamo che la Miller aveva elaborato una sua ricerca, validissima nel suo campo … ma da brava psicologa, cercava comunque di applicarla in ogni contesto possibile, finendo in certi casi con il decontestualizzare la situazione.
            Per esempio, cercò di spiegare Hitler e la sua politica, attraverso l’educazione avuta durante l’infanzia (pedagogia nera). Interessante ma con il limite che la stragrande maggioranza dei bambini dell’epoca venivano educati come lui (a suon di mazzate e ubbidienza cieca ai genitori), ma solo lui è diventato “Hitler”.
            Per cui anche secondo me un bambino del 700 aveva un approccio differente nei confronti della morte (e del sesso), quindi assai più facile che la cosa non lo sconvolgesse per nulla. Di sicuro non come sconvolgerebbe un bambino occidentale moderno.

          • gery says:

            Anzi, si potrebbe perfino azzardare l’ipotesi, che per un bambino del 700 sarebbe stato più sconvolgente e disgustoso vedere il corpo nudo di una persona viva che non di una morta, proprio per via del contesto socio-culturale in cui viveva.

          • bizzarrobazar says:

            Possibile. Il ‘700 vide anche gli ultimi strascichi della grande peste del secolo precedente, e la presenza della morte era comunque quotidiana – molto più del sesso. Tabù invertiti rispetto ai nostri. 🙂

    • bizzarrobazar says:

      Mi sembra sinceramente piuttosto off-topic, visto che l’articolo non parla di necrofilia. 🙂
      Comunque grazie, il video è un’interessante testimonianza di necrofilia “situazionale”, ovvero indotta dall’impossibilità di altri sfoghi sessuali.

      • ora12 says:

        La citazione di Zola portata nell’articolo descrivono due casi di puri di necrofilia sentita profondamente in spirito, che non è detto di non chiamarsi tale se non conclude nell’amplesso carnale.
        La necrofilia è il senso, essenza e significato finale dell’articolo, se e vera la intuizione di Freud per l’amplesso tra Thanatos ed Eros.

        • bizzarrobazar says:

          Il passo di Zola certamente accenna anche alla pulsione erotica, che però non deriva tanto dal fatto che i corpi vagamente desiderati siano morti, quanto che siano nudi. In quale altro posto, nell’800, si poteva vedere la nudità maschile e femminile in maniera così accessibile, rispettabile e non sospetta?
          Quanto al significato dell’articolo, chiaramente ognuno è libero di leggerci dentro quello che vuole, e mi fa piacere che in te abbia scatenato associazioni così diverse. Per conto mio, essenzialmente qui stiamo parlando di due argomenti: la familiarità con il cadavere in periodi storici differenti, e il voyeurismo (che magari, come suggerisco, non è sempre e del tutto negativo).

          • ora12 says:

            E’ più che normale che l’opera di un autore vada al di là delle sue intenzioni. Succede di frequente.

            Non c’e diversità tra le nostre associazioni, io ho alzato più in alto la mira, ho visto il fenomeno da un punto di vista più generale, universale, che comprende tutti i punti di vista, e che in questo caso è proprio l’intuizione geniale di Freud che non per caso tu lo hai menzionato nel articolo Thanatos-Eros. E non per caso Zola mette nel suo romanzo descrizione minuziosa di una visita nell’obitorio. Il suo romanzo, e maggior parte della sua opera, riduttivamente è una visita nell’obitorio. Partendo da de Sade, tutta la letteratura francese, con influenza immensa nella letteratura mondiale, è una visita nell’obitorio, testimoniando che l’umanità e ossessionato dal sesso e dalla morte.

            Dal punto di vista freudiana ogni pulsione erotica implica la pulsione di morte, anzi è la stessa cosa, due facie della stessa medaglia. Da qui il risultato: che differenza fa tra nudità del Morgue e la nudità del Moulin Rouge? La morte è presente in qualsiasi nudità, nel senso che è dentro di noi. E proprio da qui può venire la liberazione.

          • bizzarrobazar says:

            Be’, adesso capisco perfettamente cosa intendevi dire!
            Hai espresso benissimo alcuni concetti fondamentali. Il rapporto Eros/Thanatos è una delle più feconde intuizioni freudiane, e il triangolo si completa con un terzo elemento, analizzato in maniera lucida e sistematica da Bataille: la crudeltà.
            Vi ho accennato in alcuni miei articoli sui martiri dei santi (ad es. questo e questo), oltre ovviamente ai numerosi riferimenti al “mio” Sade che compaiono regolarmente su questo blog.

            “Tutta la letteratura francese è una visita all’obitorio”, questa frase è spettacolare e prima o poi te la ruberò. 🙂
            Hai ragione, quello che rende davvero straordinaria la produzione letteraria francese (e che deriva direttamente dalla tradizione della libre pensée) è questo suo sguardo fisso sulla parte nera dell’esistenza, un sondare l’abisso senza battere mai ciglio, senza mai arretrare. Nessuna letteratura è più esigente con il lettore, nessuna lo spinge così sul ciglio del precipizio. Da Villon passando per Flaubert, Villiers de l’Isle-Adam, Lautréamont, Maupassant, i maudits, Apollinaire, fino almeno ai post-surrealisti, assistiamo a una continua dissezione delle passioni e delle miserie umane. Letteratura “crudele” in senso artaudiano, che fa violenza a se stessa e a chi legge. Ma non è questa l’essenza stessa della filosofia, il voler uscire dalla zona di comfort per cercare una verità, anche scomoda?

            Ma mi accorgo che sto finendo fuori tema anch’io, se cominci a farmi parlare di queste cose potrei non fermarmi più.
            Grazie comunque per lo stimolo.

  3. Elisa says:

    Interessante e stimolante come sempre.. : ) Faccio la maestra e mi capita di assistere a discussioni rispetto al rapporto tra bambini e morte: come va gestito, cosa dire o non dire, cosa mostrare, eccetera. Noto che sempre più c’è la tendenza a non farli nemmeno partecipare ai funerali. A me pare una scelta sbagliata e assurda, per molti bambini una persona cara scompare e va in cielo. Fine. Credo sia più difficile elaborare il lutto e comprendere la logica della vita senza poter sperimentare il contatto e la consapevolezza della morte. Senza vivere i rituali.. Una volta si moriva in casa, ora facciamo persino fatica ad entrare in un ospedale e renderci conto che la civiltà moderna non ha ancora sconfitto nè il dolore né la malattia, figuriamoci la morte. Restano tante domande. Non so, il discorso dal mio punto di vista è incredibilmente vasto e affascinante.. Ci sarebbe molto da dire anche sui tabù e su come modifichino la nostra percezione e la nostra reazione agli aspetti vari del mondo, che in sè non contengono valori morali, ma li acquistano attraverso la visione della cultura che agisce come filtro. Per me c’è più serenità nel vestire un cadavere che nell’evitare un funerale. Gesti che riconciliano con qualcosa che fa parte di noi, che ci piaccia o no, e che sono essi stessi un rituale e un saluto, un’ultima testimonianza del rapporto intimo tra noi e la persona che è mancata. Un ultimo amorevole contatto con ciò che rimane. Eppure le persone, persino di una certa età, quasi si scandalizzano della scelta di non far fare tutto agli addetti.. Così è : ) Mi sono dilungata anche troppo, che dire..bravo!

    • bizzarrobazar says:

      Grazie per il bellissimo commento Elisa.
      Concordo con quello che hai scritto, e aggiungerei anche che in generale i bambini sono molto più forti di quello che normalmente pensiamo. Proprio perché i filtri culturali e i tabù non sono così radicati, riescono ad affrontare certe situazioni con una sorprendente naturalezza. Questo mio discorso va preso con le pinze, ovviamente, non sto dicendo che l’esperienza della morte non sia traumatica; ma forse costruire per i bambini un mondo dorato in cui dolore e morte non hanno diritto di cittadinanza potrebbe indebolirli in futuro. Oggi in ambito educativo si tende a prediligere un approccio più schietto, magari con l’ausilio di appositi libri: online esiste ad esempio questa lista di testi sulla morte per l’infanzia, che credo sia fra le più esaustive, compilata peraltro da una pedagoga.

  4. Elisa says:

    Ti ringrazio molto per la tua risposta, mi trovi completamente d’accordo.. Pensa che avevo scritto anche una riflessione esattamente su ciò che dici, poi l’ho eliminata perché il commento era già ‘fiume’!
    I bambini interagiscono con la realtà in modo molto più naturale e schietto a mio avviso, sono abbastanza privi di sovrastrutture. Guardano una ‘deformità’ senza distogliere lo sguardo, un insetto che a molti adulti pare repellente o dentro un animale morto..si fanno guidare dalla curiosità, dalla scoperta e dalla meraviglia..e forse li capiamo no? : )
    Per me i bambini restano traumatizzati quando si specchiano nelle nostre paure, nei nostri limiti o nella nostra ansia..se noi siamo sereni lo saranno anche loro. (Non voglio farne una regola semplicistica, solo esprimere ciò che succede nella maggior parte dei casi, senza parlare di patologie o altro).
    Rispetto ai libri che citi (grazie!!) mi è capitato di usarne, per diversi avvenimenti, il più difficile dei quali è stata la morte di una bambina di 5 anni della mia classe, dopo un lungo percorso di malattia. Accoglierla in classe, nei momenti in cui poteva frequentare, con grande rispetto e amore, ma senza falsi pudori rispetto ai suoi strumenti medicali, al suo dolore e alla sua malattia, parlando con semplicità e naturalezza è stata l’ennesima conferma di ciò che dici, i bambini sono forti, e come. E sanno stare dentro ai vari aspetti della realtà. Quando infine è mancata abbiamo dovuto parlare di morte e dopo aver parlato alle famiglie siamo anche andati al cimitero, facendo un percorso educativo vero e proprio. E ti parlo di bambini dai 3 ai 6 anni. Non è facile. Nascono domande forti e complesse. Ma non è negando le risposte o costruendo le finte realtà dorate che citi che li aiuteremo a crescere.
    (Scusa se non ho risposto sotto, ma il commento diventa sottile sottile e se è lungo è scomodo da leggere : ))

    • bizzarrobazar says:

      Caspita, non so come esprimere al meglio i miei complimenti per quello che fai. Sono davvero colpito.

      Ti segnalo, anche se molto probabilmente lo conoscerai, il movimento globale death positive, che sta diventando un fenomeno di notevole portata. Visto che saltuariamente collaboro con i fondatori (a breve uscirà un mio nuovo articolo scritto per loro), anche sul blog ne trovi traccia, precisamente qui e qui. Il loro sforzo è rivolto a promuovere un dialogo più aperto su questi temi, e talvolta affrontano anche il problema dell’infanzia.

  5. Elisa says:

    Grazie : )
    Il movimento death positive l’ho conosciuto proprio qui su Bizzarro Bazar leggendo i due post che mi hai linkato..uno dei due mi aveva anche spinta a commentare, cosa che faccio pochissimo!
    Leggerò con molto piacere un nuovo articolo, per quanto riguarda il rapporto tra morte e infanzia l’interesse personale quello professionale si fondono, a suo modo è un tabù anche questo..

  6. bizzarrobazar says:

    Ok, devo dirlo: adoro quando succede.
    I vostri commenti, fra divagazioni e associazioni libere, stanno diventando più interessanti dell’articolo.

  7. Luca says:

    Ottimo articolo, veramente… mi ha fatto riflettere (anche i commenti, in particolare quelli di Elisa, essendo io padre di due bambini… anzi grazie per gli spunti!).

    Sono nel campo del soccorso da più di 10 anni (prima come soccorso sanitario e poi come vigile del fuoco), e quando fai queste attività inevitabilmente vieni a contatto con la morte.

    In tutti questi anni sono rimasto sempre colpito da come le persone siano attratte da questo triste evento, sopratutto se in cicostanze “violente” (incidenti, suicidi etc).

    Pensavo che questa curiosità morbosa fosse una deviazione dei tempi moderni (oggi giorno i morti non li vediamo oggettivamente), invece già nei secoli scorsi questa cusiorisà era estramente viva.

    Comunque a me appare evidente che ci sia qualcosa di più profondo e inconscio in questo desiderio di vedere la morte (forse la necesstità di esorcizzarla?)

    Nonostante tutti i progressi del mondo e delle tecnologie rimaniamo ancora affascinati da una cosa estreamente naturale come il “trionfo della morte” 😉

    Ciao!
    l.

    • bizzarrobazar says:

      Tempo fa ho scritto un articolo (l’ho linkato anche nel post, ma magari non si vede bene) sulla curiosità “morbosa” per il cadavere, cercando di dare una risposta alle tue domande: eccolo. È un’opinione strettamente personale, ma potrebbe forse interessarti – vi sostengo che un simile interesse sia naturale e, anzi, rappresenti una sorta di vantaggio evolutivo.

      • Luca says:

        Ah vero! Lo stesso articolo lo avevi linkato anche sopra (ma non lo avevo letto ancora prima di rispondere).
        Riflessioni molto interessanti, grazie mille!

        Comunque vedere il filmato di un grave incidende stradale o vederlo dal vivo è profondamente diverso… il computer rende tutto così asettico e privo di pericoli. (cosa che la realtà non è affatto).

        Grazie mille!

        • bizzarrobazar says:

          Certamente… siamo così abituati alla rappresentazione della morte, che quasi fatichiamo a riconoscerla quando la incontriamo sul serio.

          Visto che parliamo di queste cose, condivido un’esperienza personale di qualche anno fa (non ricordo se ne ho mai parlato).
          Mi sono trovato talvolta a prestare soccorso in incidenti seri, uno dei quali mortale – una donna falciata da un pirata della strada, di notte. In quest’ultimo ho notato, in alcune delle altre persone che come me si erano precipitate a dare aiuto, una sorta di particolarissima negazione: sull’asfalto c’era una gamba tranciata di netto, ma un paio degli astanti si rifiutavano di accettare il fatto che fosse davvero una gamba della vittima, semplicemente perché non c’era sangue. Voglio dire, cos’altro poteva essere? Alla poveretta mancava una gamba, ed eccola lì due metri più avanti. Ma no, “non c’è sangue”, ripetevano. Perché quella gamba fosse vera, doveva esserci per forza del sangue.
          In questo caso il loro rifiuto/shock psicologico nasceva certo dalla poca dimestichezza con situazioni simili, ma ho il forte sospetto che fosse rafforzato anche dall’immaginario cinematografico. La scena non era credibile perché in contrasto con quello che si sarebbe visto al cinema. Come ho già scritto, basta pensare per esempio ai suoni: una pistola sentita dal vero emette uno schioppo strano e deludente, quasi poco reale rispetto all’idea che abbiamo dello sparo, inculcataci dai film. Anche il suono di un tamponamento è sempre più secco e sconcertante di quello che ci aspettiamo. Questa è l’iperrealtà di cui parlava Baudrillard, cioè il fatto che i simulacri che abbiamo creato hanno ormai sostituito la realtà oggettiva, nella nostra testa, diventando più veri del reale.
          Anche per questo la gente cerca i video di morte, per vedere com’è davvero (sempre riparati, come dici tu, dal filtro del computer). Ancora una volta è soltanto un’immagine, un simulacro, ma in questo caso un po’ più fedele alla realtà.

          E in definitiva, se mi trovassi per disgrazia dall’altro lato e fossi io quello ferito, preferirei senza dubbio essere soccorso da un death nerd che ha passato ore e ore a guardarsi video di incidenti sanguinosi – avrei forse qualche speranza in più di non vederlo svenire! 🙂

          • Luca says:

            Lo ammetto, la conclusione mi ha strappato il sorriso.

            Riguardo allo scarso sanguinamento da te descritto lo vedo possibile, almeno inizialmente (immagino una amputazione sotto il ginocchio).

            Comunque corretta l’analisi dove il cinema/televisione ci da una visione distorta di queste cose, una visione esagerata.

            (esempio banale: sai quante volte mi sento dire “ma quando una macchina brucia il serbatoio esplode no?” … no).

            Ciao e grazie!

          • bizzarrobazar says:

            Non posso dire se l’amputazione in quel caso fosse accaduta postmortem (sono stato il primo a trovare la vittima, ma non so da quanto tempo giacesse sulla strada; possibile che qualche altra macchina le fosse passata sopra dopo l’incidente); la calza si era inoltre attorcigliata e annodata attorno al moncherino, tipo laccio emostatico. Ma vorrei evitare penosi tentativi di improvvisarmi medico legale: il punto è che quella era la sua gamba. La questione avrebbe dovuto finire lì.

  8. ora12 says:

    Che significato ha l’espressione famosa: “Lascia che i morti seppelliscano i loro morti”?

  9. Livio says:

    Niente da aggiungere, articolo strepitoso e commenti da favola!

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.