Inanimus, Monsters & Chimeras of the Present

I look above me, towards the movable hooks once used to hang the meat, and I visualize the blood and pain that these walls had to contain – sustain – for many long years. Death and pain are the instruments life has to proceed, I tell myself.

I’m standing inside Padua’s former slaughterhouse: a space specifically devised for massacre, where now animals are living a second, bizarre life thanks to Alberto Michelon’s artworks.
When I meet him, he immediately infects me with the feverish enthusiasm of someone who is lucky (and brave) enough to be following his own vocation. What comes out of his mouth must clearly be a fifth of what goes through his mind. As John Waters put it, “without obsession, life is nothing“.
Animals and taxidermy are Alberto’s obsession.

Taxidermy is traditionally employed in two main fields: hunting trophies, and didactical museum installations.
In both context, the demand for taxidermic preparations is declining. On one hand we are witnessing a drop in hunting activities, which find less and less space in European culture as opposed to ecological preoccupations and the evolution of the ethical sensitiviy towards animals. On the other hand, even great Natural History Museums already have their well-established collections and seldom acquire new specimens: often a taxidermist is only called when restoration is required on already prepared animals.

This is why – Alberto explains – I mainly work for private customers who want to preserve their domestic pets. It is more difficult, because you have to faithfully recreate the cat or dog’s expressiveness based on their photographs; preparing a much-loved and familiar pet requires the greatest care. But I get a huge satisfaction when the job turns out well. Customers often burst into tears, they talk to the animal – when I present them with the finished work, I always step aside and leave them a bit of intimacy. It’s something that helps them coming to terms with their loss.”

What he says doesn’t surprise me: in a post on wunderkammern I associated taxidermy’s second youth (after a time in which it looked like this art had become obsolete) to the social need of reconfiguring our relationship with death.
But the reason I came here is Alberto is not just an ordinary taxidermist: he is Italy’s only real exponent of artistic taxiermy.

Until November 5, here at the ex-slaughterhouse, you can visit his exhibition Inanimus – A Contemporary Bestiary, a collection of his main works.
To a casual observer, artistic non-naturalist taxidermy could seem not fully respectful towards the animal. In realuty, most artists who use animal organic material as a medium do so just to reflect on our own relationship with other species, creating their works from ethical sources (animals who died of natural causes, collected in the wild, etc.).

Alberto too follows such professional ethics, as he began his experiment using leftovers from his workshop. “I was sorry to have to throw away pieces of skin, or specimens that wouldn’t find an arrangement“, he tells me. “It began almost like a diversion, in a very impulsive way, following a deep urge“.
He candidly confesses that he doesn’t know much about the American Rogue Taxidermy scene, nor about modern art galleries. And it’s clear that Alberto is somewhat alien to the contemporary art universe, so often haughty and pretentious: he keeps talking about instinct, about playing, but must of all – oh, the horror! – he takes the liberty of doing what no “serious” artist would ever dream of doing: he explains the message of his own works, one by one.

His installations really have much to say: rather than carrying messages, though, they are food for thought, a continuous and many-sided elaboration of the modernity, an attempt to use these animal remains as a mirror to investigate our own face.
Some of his works immediately strike me for the openness with which they take on current events: from the tragedy of migrants to GMOs, from euthanasia to the present-day fear of terrorist attacks.

I don’t think I’ve ever seen any other artist using taxidermy to confront the present in such a direct way.
A roe deer head covered in snake skin, wearing an orange uniform reminiscent of Islamic extremists’ prisoners, is chained to the wall. The reference is obvious: the heads of decapitated infidels are assimilated to hunting trophies.
To be honest, I find this explicit allusion to current events imagery (which, like it or not, has gained a “pop” quality) pretty unsettling, and I’m not even sure that I like it – but if something pulls the rug out from under my feet, I bless it anyways. This is what the best art is supposed to do.

Other installations are meant to illustrate Western contradictions, halfway through satire and open criticism to a capitalistic system ever harder to sustain.
A tortoise, represented as an old bejeweled lady with saggy breasts, is the emblem of a conservative society based on economic privilege: a “prehistoric” concept that, just like the reptile, has refused to evolve in any way.

A conqueror horse, fierce and rampant, exhibits a luxurious checked fur composed from several equines.
A social climber horse: to be where he stands, he must have done away with many other horses“, Alberto tells me with a smile.

An installation shows the internal organs of a tiger, preserved in jars that are arranged following the animal’s anatomy: the eyes, tomgue and brain are placed at the extremity where the head should be, and so on. Some chimeras seem to be in the middle of a bondage session: an allusion to poaching for aphrodisiac elixirs such as the rhino horn, and to the fil rouge linking us to those massacres.

A boar, sitting on a toilet, is busy reading a magazine and searching for a pair of glass eyes to fill his empty eye sockets.
The importance of freedom of choice regarding the end of life is incarnated by two minks who hanged themselves – rather than ending up in a fur coat.
The skulls of three livestock animals are hanged like trophies, and plastic flowers come out of the hole bored by the slaughterhouse firearm (“I picked up the flowers from the graves at the cemetery, replacing them with new flowers“, Michelon tells me).

As you might have understood by now, the most interesting aspect of the Inanimus works is the neverending formal experimentation.
Every installation is extremely different from the other, and Alberto Michelon always finds new and surprising ways of using the animal matter: there are abstract paintings whose canvas is made of snake or fish skin; entomological compositions; anthropomorphic taxidermies; a crucifix entirely built by patiently gluing together bone fragments; tribal masks, phallic snakes mocking branded underwear, skeletal chandeliers, Braille texts etracted from lizard skin.

Ma gli altri tassidermisti, diciamo i “puristi”, non storcono il naso?
Certamente alcuni non la ritengono vera tassidermia, forse pensano che io mi sia montato la testa. Non mi importa. Cosa vuoi farci? Questo progetto sta prendendo sempre più importanza, mi diverte e mi entusiasma.

On closer inspection, there’s not a huge difference between classic and artistic taxidermy. The stuffed animals we find in natural science museums, as well as Alberto’s, are but representations, interpretations, simulachra.
Every taxidermist uses the skin, and shape, of the animal to convey a specific vision of the world; and the museum narrative (although so conventional as to be “invisible” to our eyes) is maybe no more legit than a personal perspective.

Although Alberto keeps repeating that he feels he’s a novice, still unripe artist, the Inanimus works show a very precise artistic direction. As I approach the exit, I feel I have witnessed something unique, at least in the Italian panorama. I cannot therefore back away from the ritual prosaic last question: future projects?
I want to keep on getting better, learning, experimenting new things“, Alberto replies as his gaze wanders all around, lost in the crowd of his transfigured animals.

Inanimus – un bestiario contemporaneo
Padova, Cattedrale Ex-macello, Via Cornaro 1
Until October 17, 2017 [Extended to November 5, 2017]
FacebookInstagram

18 comments to Inanimus, Monsters & Chimeras of the Present

  1. esse says:

    in tanti anni di appassionata lettura di ogni articolo di Bizzarro Bazar mi sono trovata a volte impressionata, disgustata, più frequentamente affascinata… quindi immagino che prima o poi -per una questione statistica- dovesse succedere: trovo questa mostra bruttissima.
    Non brutta nel senso di ripugnante, disturbante, o offensiva.. sarebbe già qualcosa.
    Trovo proprio le opere inutili, come se volessero strizzare l’occhio a una certa cultura pop facile facile, usando la tassidermia per darsi quel tono in più.
    E sì che di opere “pop” e tassidermie miste ne ho viste, visti i miei studi e il mio ex lavoro (anche di mio marito!) in ambito artistico.
    Pazienza. Voglio bene lo stesso a Bizzarro Bazar. Mi sentivo solo di dirlo, per quel che conta.

    • bizzarrobazar says:

      Pazienza, non sempre i gusti possono coincidere. Su Twitter e FB sembra che a molti piaccia, e il Comune di Padova ha prorogato di una settimana la chiusura vista la grande affluenza. Non che questo abbia a che fare con la qualità di un lavoro, intendiamoci, e capisco bene le tue perplessità. Da parte mia sai che ci tengo a dare visibilità a quegli artisti emergenti in cui mi pare di riconoscere un grande potenziale (l’ho fatto altre volte, e altre volte ho fatto storcere nasi). Le opere di Alberto mi hanno trasmesso una gioia di sperimentare per niente scontata, e mi sono ritrovato a pensarci a distanza di giorni; senza contare che alcune soluzioni tassidermiche non le avevo proprio mai viste – ad esempio la mappa della Laguna di Venezia a forma di pesce e in pelle di pesce.
      Grazie per voler bene lo stesso a questo spazio, per inciso. 🙂

  2. Alice in the Real World says:

    “Tentativo di usare queste spoglie di animali come uno specchio in cui indagare il nostro stesso volto”.
    Probabilmente in questa frase c’è la giusta chiave per osservare questa mostra.
    Per una animalista come me è spiazzante, e ciò è presto comprensibile: vedere le spoglie di animali usate per opere d’arte è sempre spiacevole per chi li ama; d’altra parte Alberto Michelon esprime, molto chiaramente, che è dalla parte degli animali stessi, rappresentandoli, giustamente, come vittime.
    Il suo intento dalla parte delle vittime, sia umane che animali, è ben evidente, e sì, anche a me fa lo stesso effetto che dici tu, mi sento turbata da queste immagini e molte opere non le trovo certo belle, anzi.
    Eppure comprendo di pensarla come Michelon sui temi che tratta (e li tratta in maniera molto molto forte). Probabilmente un luogo di dolore come un macello è il posto adatto per affrontare temi sgradevoli.
    Formidabile il messaggio critico della signora/tartaruga, come anche quello dei visoni, e di zanne e corni su manichini-bondage.

    Sono giunta alla fine del 2009 nella lettura degli articoli di questo blog: a parte seguire l’uscita di questi ultimi post, mi sono prefissata di essere molto metodica nel percorrere gli scritti passati.
    Un caro saluto
    Alice

    • bizzarrobazar says:

      A molti animalisti sembrerà paradossale, perché la tassidermia nell’immaginario è ancora associata alla caccia, ma per fare l’imbalsamatore bisogna amare gli animali alla follia. Studiarne le abitudini, le posture, le espressioni – meglio di un etologo. Non è proprio possibile fare un mestiere così se si odiano gli animali. 😀
      Per il resto, complimenti per lo scrupolo nel leggere gli articoli arretrati! 😉

      • Alice in the Real World says:

        Sì Ivan, non ne ho mai dubitato, infatti mi ha colpita il ‘sentimento’ con cui Michelon affronta il suo lavoro di conservazione degli animali domestici, lo scrupolo di coglierne perfino l’espressione, che indica che SA che ogni animale da compagnia, per il privato, ha davvero tante espressioni uniche.
        Da animalista ho riconosciuto quel che Michelon prova per gli animali, e sono le stesse cose che prova ogni amante degli animali.
        Lui usa la sua arte di tassidermista per mandare i suoi messaggi: può turbare in certe installazioni, ma è molto chiaro che non oltraggia il mondo animale, anzi.
        Mi spiace che uno dei commentatori non abbia capito nulla del mio commento e mi abbia attaccata a sproposito qui sotto, anche se nel mio scritto ho cercato di essere più chiara possibile ma non è bastato, se uno non legge. E’ un rischio che nel mondo blog è sempre dietro l’angolo, del resto ho visto che anche tu come autore di articoli sei incappato più volte in questo problema.
        🙂

        • bizzarrobazar says:

          Come no, ci ho fatto il callo. 😉

          • Alice says:

            A proposito di tassidermia (scusa se salto di palo in frasca, ho avuto oggi il fulmineo ricordo di un articolo che avevo scritto nel 2010 -sono stata blogger, ebbene sì, dal 2006 al 2015, trattavo cinema e letteratura, con qualche escursione in altre materie se mi andava di scriverne): hai mai visto o sentito parlare delle mostre fotografiche di Karen Knorr (magari ne hai già parlato)?
            Io ne ho avuto notizia per la prima volta appunto nel 2010, quando esponeva le sue foto di grandi dimensioni nell’hinterland milanese. Mi sono subito documentata e le foto mi sono apparse molto belle, e anche originali, tanto che ne ho fatto incetta nella rete, a quel tempo, anche per documentare l’articolo.

            Certo, non sono installazioni ma fotografie, comunque il legame con la tassidermia c’è: le foto rappresentano sempre ambienti interni magnifici, bellissimi, d’epoca, lussuosi.. in cui sono posti, in pose ben studiate, degli altrettanto magnifici animali imbalsamati.

            Non c’è un messaggio preciso in quelle fotografie, credo: c’è solo che esteticamente sono semplicemente di grande bellezza formale (almeno per me!) 🙂
            Ciao!

  3. Livio says:

    Spoglie di animali usate per opere d’arte… Allora per via del cremisi, o altri colori ricavati dagli animali, bisognerebbe essere disgustati dalla quasi totalità delle opere d’arte rinascimentali e non. Mi spiace ma non sopporto ogni forma di estremismo e di intolleranza.
    Detto questo trovo che la mostra sia spettacolare!

    • bizzarrobazar says:

      Certo, anche le setole dei pennelli sono di origine animale, e via dicendo… Ovviamente una mostra simile rende visibile e centrale il ricorso alla materia organica e – in linea con la sensibilità odierna – si rivela più attenta alle fonti etiche dei materiali di molta arte del passato.

    • Alice in the Real World says:

      Livio, stai citando (e polemizzando) il mio commento?
      Oooohhssignore (sospiro)… Eccone un altro che NON LEGGE quel che commenta.
      Allora Livio, dov’è che vedi estremismo in quel che ho scritto??
      TU hai usato la parola “disgustati”, io invece per niente!
      Ma hai letto bene e compreso quello che ho scritto?

      Ho scritto che è spiazzante, ma questo l’ha scritto anche l’autore dell’articolo (che dice:”questo rimando esplicito alle immagini di attualità…mi turba non poco, e non sono nemmeno sicuro che mi piaccia).

      E non hai letto che ho scritto che Michelon e io condividiamo le stesse opinioni?
      Forse non hai compreso che anche Michelon è contro le pellicce, contro la caccia di frodo (vedi le foto, leggiti tutto l’articolo per bene).

      Forse non hai letto che ho elogiato tre delle installazioni come formidabili (la critica alla plutocrazia fossilizzata per esempio)?

      Ma allora, cosa stai criticando esattamente di quel che ho scritto?
      Che sia una mostra “forte” da vedersi, lo dice l’autore stesso, e un’altra commentatrice, sopra, dice che trova tutta la mostra bruttissima!
      Io non l’ho detto, né questo né altre fantomatiche cose “da estremista”.
      Francamente ci sono due installazioni che trovo esteticamente belle, la leonessa col turbante e la tigre che salta rompendo il finto specchio, perché i felini hanno una loro potentissima bellezza naturale.

      L’estetica di questo tipo di mostra può piacere e non piacere: alla lettrice Esse non è piaciuta affatto, a me son piaciute, ESTETICAMENTE, alcune cose altre meno.
      Che hai da criticare sui gusti estetici altrui, e perché ti sei lanciato su di me dandomi dell’estremista? Leggi meglio quanto ho scritto per favore.

      I commenti inutilmente polemici come il tuo, quelli lanciati ciecamente senza aver letto (credo che tu ti sia fermato alla parola ‘animalista’ poi hai subito straparlato senza proseguire), sono il più profondo estremismo del mondo blog:
      e ci si fa anche brutta figura.

  4. Andrea says:

    A proposito della difficoltà dell’imbalsamare animali domestici, mi ricorda un racconto contenuto in “Inventario della casa di campagna” di Piero Calamandrei (sí, quel Calamandrei); raccomando l’intero libretto, che vi sorprenderà non poco per la bellezza della scrittura (nonchè per il ritrovarvi una decina di scene che avete poi letto e visto in classici italiani della letteratura e del cinema, da Calvino a Fellini a Benigni…):
    “(…) Breve era lo spazio in cui aveva battuto quel piccolo cuore, e l’artista credeva di poterlo agevolmente colmare con poco stucco. Ma non aveva calcolato, il buon prete, che la pelle entro la quale egli lavorava era vecchia e cedevole: la rimpinzava di ripieno e quella, invece di tendersi, si dilatava e si afflosciava sempre piú. E allora, poichè soprattutto gli premeva di ricreare la lucentezza di quel pelame e quell’aspetto brioso che gli occhi della padrona non avevan cessato di ricordare, ecco che il buon prete, piú che delle dimensioni, si curó delle forme. Pur di dare al dorso una bella curva, e robustezza al petto e solidità alle gambe, non guardó a spese: dove c’era ancora una grinza, dàgli un altro batuffolo di cencio; dove c’era ancora un frinzello, dàgli un altro mannellino di paglia… E alla fine, quando quel potente torso fu solidamente piantato sulle quattro zampe come un monumento su quattro colonne, l’artista si dette con grande amore a ricreare una bella testa proporzionata a quel corpo rimesso a nuovo: in luogo di quell’unica zannina smorfiosa, una intera dentiera tutta unita e ridente; in luogo di quei poveri occhi lacrimosi e annebbiati dalla vecchiaia, due spilloni sgargianti di lucido vetro, con nerissime pupille cerchiate di fiammante arancione. (…)”
    Purtroppo la padrona non ha saputo apprezzare l’impegno:
    “Credo che, conciata cosi, con quella sua bella pinguedine di cartapesta, sia stata seppellita alla chetichella sotto un ulivo. Penso quanto ci almanaccheranno su gli archeologi, quando tra qualche millennio scopriranno questa mummia canina, dotata per omnia saecula della sua fiera ed incorruttibile obesità.”

  5. Cari lettori di Bizzarro Bazar, sono onorato di leggere i vostri commenti (positivi e negativi) a seguito dell’articolo di Ivan Cenzi. Dopo tanto lavoro manuale e di pensiero è emozionante vedere che quello che ho creato insieme ai miei collaboratori, susciti reazioni, muova il pensiero e metta in comunicazione le persone. Sta succedendo la stessa cosa in mostra, dove le reazioni delle persone che vengono a visitarla sono tra le più disparate. Inanimus sta suscitando emozioni, sentimenti, azioni che io neanche lontanamente avrei pensato potesse arrivare a fare.
    Grazie a chiunque vorrà contribuire ad allargare la discussione in merito.

    • Medardo Giallo. says:

      E’ un piacere avere a che fare con l’artista direttamente. Devo ammettere che vedendo le foto, mi sono venuti in mente due soliti noti come Cattelan e (più indirettamente) Hirst, e pensavo in un primo momento, qualche giorno fa, di farlo notare in maniera forse sprezzante.
      C’è un pensiero, una ricerca, dietro queste opere, che mi sembra interessante e degno di visione. Purtroppo ritengo che il rischio sia di restare immersi in una melassa di commenti e reazioni à la “epater le bourgeois”… Pensi di riuscire a spostare lo sguardo in futuro verso idee meno “scioccanti”?
      Grazie, e complimenti (a te e a Bizzarro)

    • Alice says:

      Salve Alberto! Ho seguito il link e sono approdata al tuo sito, dove ho appreso meglio la differenza sostanziale fra tassidermia e imbalsamazione, e compreso di più l’impegno per lo scopo prefissato, ovvero restituire un aspetto realistico e naturale (come cade a proposito il commento di Andrea, più sopra! 😀 ). Grazie a te, e a Bizzarro Bazar, per questa interazione, la discussione è parte vitale in un blog, evviva!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *