Criminal Heads

Two dissected heads. Color plate by Gautier D’Agoty (1746).

Starting from the end of the Middle Ages, the bodies of those condemned to death were commonly used for anatomical dissections. It was a sort of additional penalty, because autopsy was still perceived as a sort of desecration; perhaps because this “cruelty” aroused a certain sense of guilt, it was common for the dissected bodies to be granted a burial in consecrated ground, something that would normally have been precluded to criminals.

But during the nineteenth century dissecting the bodies of criminals began to have a more specific reason, namely to understand how the anatomy of a criminal differed from the norm. A practice that continued until almost mid-twentieth century.
The following picture shows the head of Peter Kürten (1883-1931), the infamous Vampire of Düsseldorf whose deeds inspired Fritz Lang’s masterpiece M (1931). Today it is exhibited at Ripley’s Believe It Or Not by Winsconsin Dells.

Cesare Lombroso, who in spite of his controversial theories was one of the pioneers and founders of modern criminology, was convinced that the criminal carried in his anatomy the anomalous signs of a genetic atavism.

The Museum dedicated to him, in Turin, retraces his reasoning, his convictions influenced by theories in vogue at the time, and gives an account of the impressive collection of heads he studied and preserved. Lombroso himself wanted to become part of his museum, where today the criminologist’s entire skeleton is on display; his preserved, boneless head is not visible to the public.

Head of Cesare Lombroso.

Similar autopsies on the skull and brain of the murderers almost invariably led to the same conclusion: no appreciable anatomical difference compared to the common man.

A deterministic criminology — the idea, that is, that criminal behavior derives from some anatomical, biological, genetic anomaly — has a comforting appeal for those who believe they are normal.
This is the classic process of creation/labeling of the different, what Foucault called “the machinery that makes qualifications and disqualifications“: if the criminal is different, if his nature is deviant (etymologically, he strays from the right path on which we place ourselves), then we will sleep soundly.

Numerous research suggests that in reality anyone is susceptible to adopt socially deplorable behavior, given certain premises, and even betray their ethical principles as soon as some specific psychological mechanisms are activated (see P. Bocchiaro, Psicologia del male, 2009). Yet the idea that the “abnormal” individual contains in himself some kind of predestination to deviance continues to be popular even today: in the best case this is a cognitive bias, in the worst case it’s plain deceit. A striking example of mala fides is provided by those scientific studies financed by tobacco or gambling multinationals, aimed at showing that addiction is the product of biological predisposition in some individuals (thus relieving the funders of such reasearch from all responsibility).

But let’s go back to the obsession of nineteenth-century scientists for the heads of criminals.
What is interesting in our eyes is that often, in these anatomical specimens, what was preserved was not even the internal structure, but rather the criminal’s features.

In the picture below you can see the skin of the face of Martin Dumollard (1810-1862), who killed more than 6 women. Today it is kept at the Musée Testut-Latarjet in Lyon.
It was tanned while his skull was being studied in search of anomalies. It was the skull, not the skin, the focus of the research. Why then take the trouble to prepare also his face, detached from the skull?

Dumollard is certainly not the only example. Also at the Testut-Latarjet lies the facial skin of Jules-Joseph Seringer, guilty of killing his mother, stepfather and step-sister. The museum also exhibits a plaster cast of the murderer, which offers a more realistic account of the killer’s features, compared to this hideous mask.

For the purposes of physiognomic and phrenological studies of the time, this plaster bust would have been a much better support than a skinned face. Why not then stick to the cast?

The impression is that preserving the face or the head of a criminal was, beyond any scientific interest, a way to ensure that the memory of guilt could never vanish. A condemnation to perpetual memory, the symbolic equivalent of those good old heads on spikes, placed at the gates of the city — as a deterrent, certainly, but also and above all as a spectacle of the pervasiveness of order, a proof of the inevitability of punishment.

Head of Diogo Alves, beheaded in 1841.

Head of Narcisse Porthault, guillotined in 1846. Ph. Jack Burman.

 

Head of Henri Landru, guillotined in 1922.

 

Head of Fritz Haarmann, beheaded in 1925.

This sort of upside-down damnatio memoriæ, meant to immortalize the offending individual instead of erasing him from collective memory, can be found in etchings, in the practice of the death masks and, in more recent times, in the photographs of guillotined criminals.

Death masks of hanged Victorian criminals (source).

Guillotined: Juan Vidal (1910), Auguste DeGroote (1893), Joseph Vacher (1898), Canute Vromant (1909), Lénard, Oillic, Thépaut and Carbucci (1866), Jean-Baptiste Picard (1862), Abel Pollet (1909), Charles Swartewagher (1905), Louis Lefevre (1915), Edmond Claeys (1893), Albert Fournier (1920), Théophile Deroo (1909), Jean Van de Bogaert (1905), Auguste Pollet (1909).

All these heads chopped off by the executioner, whilst referring to an ideal of justice, actually celebrate the triumph of power.

But there are four peculiar heads, which impose themselves as a subversive and ironic contrappasso. Four more heads of criminals, which were used to mock the prison regime.


These are the effigies that, placed on the cushions to deceive the guards, allowed Frank Morris, together with John and Clarence Anglin, to famously escape from Alcatraz (the fourth accomplice, Allen West, remained behind). Sculpted with soap, toothpaste, toilet paper and cement powder, and decorated with hair collected at the prison’s barbershop, these fake heads are the only remaining memory of the three inmates who managed to escape from the maximum security prison — along with their mug shots.

Although unwittingly, Morris and his associates had made a real détournement of a narrative which had been established for thousands of years: an iconography that aimed to turn the head and face of the condemned man into a mere simulacrum, in order to dehumanize him.

18 comments to Criminal Heads

  1. Eric says:

    Bellissimo articolo, come sempre!

  2. gery says:

    Adoro questi argomenti! Articolo stupendo, come sempre!

    Avevo visto qualche anno fa un documentario della BBC (Ok, non è sempre affidabile lo so), dove si presupponeva che a portare alla criminalità, ci fosse anche un fattore genetico, oltre a quello ambientale e caratteriale (insomma… bisognava ci fossero questi tre elementi per far scattare la bomba). Si parlava dei criminali più efferati comunque (come i Killer seriali). In effetti potrebbe starci, se si pensa per esempio che Peter Kürten , aveva 11 fratelli (sottoposti se non peggio, alla stessa violenza del padre) ma solo lui è diventato “Il vampiro di Düsseldorf”.

    • CaGi says:

      Riguardo alle ipotesi di fattori genetici come causa di caratteristiche psicologiche della persona. Spesso ci arrivano notizie sulla “scoperta” di qualche elemento fisico/chimico/genetico collegato a caratteristiche solitamente considerate come mere “questioni mentali”.
      Credo però servano alcuni gradi di cautela.

      (Premetto di non avere preparazione scientifica)

      Innanzitutto gran parte di queste notizie sono fortemente amplificate dalla stampa, tendenzialmente poco preparata in campo scientifico e strutturalmente portata a sensazionalizzare quelle che magari sono solo ricerche tutt’altro che comprovate.

      Una volta scremato il grosso delle scoperte-spettacolo va fatto un ragionamento più complesso sull’idea dell’essere umano come mero risultato di interazioni chimico-fisiche. Non sappiamo, ad esempio, quanto la “chimica” alteri il pensiero e quanto invece un “pensiero” alteri la chimica.

      In sostanza, penso che molto probabilmente in futuro si potrà capire scientificamente qualcosa che a livello empirico appare la risposta più probabile, ossia che la persona sia il risultato unico sia di una “storia fisiologica” (geni, chimica, dieta ecc) che di una “storia esperienziale” (il vissuto, l’educazione ecc), in cui c’é sempre spazio per volontà e caso.

      Il rischio di ridurre la persona alla sua sola “storia fisiologica” rischia di spostare a livello genetico quegli stessi pregiudizi che tentarono di “farsi scienza” attraverso la frenologia.

      (NB: anche il ridurre la persona alla sua sola “storia esperienziale” può portare al razzismo culturale, ma qui il discorso si allungherebbe troppo)

      Insomma: -dobbiamo- fare ricerche sul funzionamento “meccanico” del nostro corpo e della nostra mente, ma bisogna fare grandissima attenzione a non ridurre la persona a quest’unico aspetto.

      • gery says:

        Concordo con quanto scrivi. Per curiosità il documentario a cui faccio riferimento è questo: “Horizon – Are You Good Or Evil?” della BBC.

      • bizzarrobazar says:

        Ottimo commento. Mi sono piaciute in particolare le virgolette sui termini “chimica” e “pensiero”, emblematiche dell’invito alla cautela di tutto il tuo discorso.

      • gaberricci says:

        Personalmente, penso che la grande chimera delle neuroscienze sia quella di poter capire come la “mente” emerga dal “cervello”. Dico che questa è una chimera perché ritengo che non ci sia possibilità di separare l’una dall’altra cosa: la mente è esattamente il risultato delle interazioni chimiche, fisiche e biologiche tra i miliardi di neuroni che costituiscono la nostra corteccia cerebrale.

        Per come la vedo io, questa non è affatto una “riduzione” dell’uomo alla sua storia anatomica; è, al contrario, una presa di coscienza del fatto che non siamo in alcun modo “speciali”, che “ciò di cui siamo fatti” a livello psicologico è qualcosa di reale e materiale tanto quanto quello di cui siamo fatti a livello del fegato (tanto per fare un esempio). Questo, sia chiaro, non toglie nemmeno un decimo della sua forza a sentimenti come l’amore o il dolore; e, d’altro canto, non rende meno profonde le riflessioni dell’essere umano sul concetto di se: penso che si tratti, semplicemente, di due campi di studio diversi.

        Certo c’è poi da fare una distinzione tra il “fatto” in se e l’uso che di quel fatto si fa; le migliaia di notizie riguardo geni che provocherebbero questo e quello spesso non tengono conto (non so se per ignoranza o per malafede) delle interazioni tra il gene e l’ambiente; ignorano pure, spesso, che un gene codifica per una funzione assai specifica, e che solo la combinazioni di moltissime di quelle funzioni specifiche portano ad un risultato “apprezzabile”, che sia di qualche interesse per l’umanità e non solo per la medicina. In altri termini: puoi avere i geni migliori del mondo; ma se vivi la tua vita in una stanza oscura, senza contatti col mondo esterno, è ben difficile che li metterai a frutto… D’altronde, un singolo gene non è “capace” neppure di determinare il colore degli occhi di una persona; è semplicemente impensabile che possa determinare la sua “attitudine criminale” (come se quest’espressione significasse qualcosa) o, che so, la sua intelligenza o la sua propensione ad ingrassare. Molti di questi geni, insieme, possono avere un’influenza; ma tutti lavorano di concerto anche con l’ambiente in cui “si muovono”.

        Riguardo l’anatomia… ho adorato questa materia (anche se, lo ammetto, solo anni dopo averla studiata :-). E lei mi ha insegnato che esistono tante di quelle varianti anatomiche perfettamente normali, tra persona e persona, che il loro studio sistematico dovrebbe condurre, forzatamente, ad accorgersi di una verità talmente banale da essere divenuta luogo comune: ossia, che non esistono due persone perfettamente identiche l’una all’altra (fanno eccezione i gemelli identici… ma anche lì le influenze ambientali hanno il loro peso). Le teorie di Lombroso su questo argomento, figlie della fisiognomica ancora in voga ai tempi, sono state completamente squalificate; per rendersene conto, basterebbe guardarsi tre o quattro foto di criminali di guerra nazisti, e chiedersi in che cosa assomigliano ai criminali studiati da Lombroso… in nulla, molti di loro sembrano l’elite del genere umano. Eppure, compirono eccidi da far accapponare la pelle; non benché, ma probabilmente PERCHÈ sembravano (e credevano di essere) l’elite del genere umano.

        Scusate il papiro, spero di essermi spiegato :-).

        P.S.: Ivan, complimenti, bellissimo articolo!

        • bizzarrobazar says:

          Grazie per il papiro. 🙂
          Credo che siamo tutti d’accordo che gli articoli sul gene della depressione, o su quello che ci fa detestare i cavoletti di Bruxelles, siano un’infima forma di clickbait.
          Riguardo alla mente umana e il suo rapporto con il cervello, la tua posizione non risolve quello che ai miei occhi rimane il vero problema, cioè quello ontologico/metafisico. Detta banalmente: ok, la mente è costituita dalle connessioni neurali, dagli scambi chimici, dalla materia. Ma cosa cavolo è la materia, come è finita qui, e cos’è il “qui”? Insomma, per sapere cosa sia l’essere umano, dovremmo capire anche qualcosa del contesto… 🙂

          • gaberricci says:

            Temo di non aver compreso la tua domanda, o meglio: ritengo esuli dal campo delle scienze cosiddette positive.

          • bizzarrobazar says:

            CaGi ha messo in guardia nei confronti di una riduzione meccanicistica della mente, tu hai ribattuto che in realtà non si tratta di una riduzione di complessità ma di una descrizione concreta. Ma il problema è proprio che quando si parla di mente e personalità, cioè dell’intima essenza di un individuo, si scontrano due diversi ordini di questioni – l’ordine empirico, che è quello che la scienza è chiamata a indagare, non può prescindere da quello filosofico. Dire che siamo “il risultato delle interazioni chimiche, fisiche e biologiche tra i miliardi di neuroni che costituiscono la nostra corteccia cerebrale” non è una risposta valida per la domanda ‘che cosa siamo’, ma al limite per la domanda ‘come funzioniamo’. Se parliamo di criminalità, inoltre, entrano in gioco anche la dimensione dell’etica e il problema del Male, e buonanotte al secchio. Applicare la genetica alla criminologia presuppone un giudizio morale a monte (anche solo per definire l’oggetto di studio, per discriminare il comportamento criminale dal resto) che poco o nulla ha di scientifico.

          • gaberricci says:

            Secondo me non è vero che una spiegazione ha bisogno dell’altra: semplicemente, le due discipline si occupano di cose diverse in modi diversi. La scienza ha determinate regole, la filosofia delle altre; se vogliamo, è un po’ il vecchio discorso della ragione contro la fede (sto semplificando, eh, lo so, non vorrei mi si prendesse per scientista). La scienza può dirci da dove viene la mente, ma la spiegazione di che cos’è, nel senso in cui lo intendi tu, non può essere data con metodo empirico (che poi è la stessa conclusione a cui arrivi tu). Mi sembrava, però, che qui di ciò si parlasse; e, per altro, a livello di etica, morale e filosofia non si possono dare risposte “condivisibili”, come invece sono quelle della scienza (che si accontenta di una descrizione sempre migliorabile dei fatti): ognuno, alla fine, è costretto a credere a determinate “verità” (molte virgolette su questa parola) piuttosto che ad altre. Non ritengo che tale scelta non sia inportante, anzi, ritengo che ciò dica molto di ciò che siamo; d’altronde, non vedo come questo possa contraddire il fatto che tali profondi pensieri siano frutto di una serie (piuttosto sofisticata) di reazioni chimiche.

            Per altro, in accordo con Feynman, ritengo che la visione cosiddetta meccanicistica del mondo AGGIUNGA meraviglia ad esso, piuttisto che sottrarvene (spero di aver composto bene la parola :-).

          • bizzarrobazar says:

            Mi sa che stiamo dicendo più o meno le stesse cose. È il famoso filo d’erba di cui, secondo Kant, la scienza non potrà mai “spiegare” il senso (né si deve pretendere che lo faccia, visto che non è quello il suo scopo). Quando dico che la scienza non può prescindere dalla filosofia, intendo semplicemente che è la filosofia che “informa” la scienza, ne stabilisce il procedimento, ne imposta gli assunti e le regole di base. Senza epistemologia, senza una teoria della conoscenza, non esisterebbe il metodo scientifico.
            Sulla meraviglia di cui parla Feynman nella sua famosa intervista, sai bene che sfondi una porta aperta!

  3. marco says:

    Scrivi veramente bene ! Complimenti…ti seguo sempre e ogni volta non vedo l’ora che esca il tuo prossimo articolo…

  4. Simone says:

    Adrian Raine, che è un neuroscienziato inglese, ha scritto recentemente un libro dal titolo “The anatomy of violence” (tradotto anche in italiano) in cui sostiene appunto che vi sia una base biologica per certi comportamenti criminali.

  5. Livio says:

    Articolo meraviglioso!

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.