Sourtoe Cocktail Club

“PLEASE ACCEPT MY RESIGNATION.
I DON’T WANT TO BELONG TO ANY CLUB
THAT WILL ACCEPT PEOPLE LIKE ME AS A MEMBER”.

(Groucho Marx‘s telegram to the Friar’s Club of Beverly Hills)

Dawson_Yukon_June_07

Every respectable club, college fraternity, or student group has its specific initiation, a trial the aspiring members have to overcome in order to boast the title of belonging to that community. But of all the bizarre rituals necessary to enter these elites around the globe, none is more unlikely than the one at Sourtoe Cocktail Club in Dawson City, Canada.

Main-Street-Dawson-City

Dawson City is a town with a population of little more than 1.300 souls in Yukon Territory, and was once the center of the Klondike Gold Rush; so much so that wirter Jack London chose it as the environment for several short stories and novels, including The Call of the Wild (1903). Today, it’s mainly a touristic and naturalistic destination, where you can explore old mines, go trekking, visit some historical museum and, if you brought your pan, try to find some gold nuggets at Bonanza Creek.

And then, of course, you could head to the Downtown Hotel, at Second Avenue and Queen Street, and try to become a member of the Sourtoe Cocktail Club. Actually, the club is not as exclusive as it may seem: in the course of the last decades, it earned from 60.000 to 100.000 members. The club’s admission trial has in fact become one of the most renowned city attractions.

DOWNTOWN_HOTEL_DAWSON_WEBB - Copia

So, what is this ordeal all about? How do you become a member?
It’s easy:

Step 1 – Come down to the Sourdough Saloon and ask for Captain River Rat
Step 2 – Purchase a shot (most club members prefer Yukon Jack)
Step 3 – Pledge the ‘Sourtoe Oath’
Step 4 – Watch as a genuine human toe is dropped in your drink
Step 5 – Drink your Sourtoe Cocktail

You read that right, step 4 says “human toe”. But no worry, it’s mummified.

image3 - Copia

ht_sourtoe_ll_130830_16x9_608 - Copia

Tour 5-802-08 237

Toe1-628

DSC_8355 - Copia

There is only one additional rule, the most important of all:

You can drink it fast, you can drink it slow,
but your lips have gotta touch the toe!

image4 - Copia

image6 - Copia

7489167 - Copia

After carefully following the instructions, and guzzling down the cocktail with the unusual human toe garnish, you will be awarded a membership card and an official certificate that proves you are “capable of almost anything“.

image - Copia

i-passed - Copia

The legend behind this strange tradition begins in the 1920’s. It is said that two rum runners, Louie Linken and his brother Otto, were crossing the border with a load of liquor, when they ran into a terrible storm. Trying to direct his dog team, Louie stepped off of the sledge, and right into an icy overflow. His feet got soaked with icy water, but the pair didn’t stop as they feared police was on their trail. The prolonged exposure to the cold made the unlucky smuggler’s big toe freeze completely. To prevent gangrene, after administering his brother a good dose of rum Otto amputated the toe with a woodaxe. To commemorate the event, the borthers then preserved it in a jar of alcohol.

In 1973, while cleaning a cabin, Captain Dick Stevenson found the jar and the toe.
But what use could a dehydrated and already mummified toe have?
Captain Stevenson extensively analyzed the matter with his friends, until they agreed that there was only one solution: a Sourtoe Cocktail Club had to be established. The original rules were pretty much the same as today, with the exception of the mandatory use of champagne in a beer glass for the infamous drink.

Unfortunately, the first toe lasted only for seven years. In July 1980, a miner called Garry Younger was trying to establish the Sourtoe record. At his thirteenth shot of champagne, his chair tripped backwards, and Garry accidentally swallowed the toe.

Someone could have thought that was the end of the Club.
Instead, since then the hotel has acquired around a dozen new toes, all given by generous donors so thath the tradition wouldn’t die out. The first non-original toe had been amputated because of an inoperable corn.; the second one was give by a frostbite victim (once again the toe was accidentally gulped down).
And then: an anonymous toe, which was later stolen; a pair of toes from a Yukon veteran, donated in exchange for free drinks for his nurses; a toe wich was amputated because of diabetes; and another anonymous toe which came in a jar of alcohol with a note that read: “Never wear open-toe sandals while mowing the lawn“.

Until not long ago, the fine for those who mistakenly ingested the toe was $500.
But in August 2013 a certain Josh from New Orleans entered the bar together with a couple of friends, ordered the Sourtoe Cocktail, and guzzled it down, toe included. Then he handled over the $500, before the dismayed staff had even had a cheance to say a word. It was clearly a bet with his friend, on his last day on a summer job in Dawson.
Luckily the staff already had a replacement toe. But from that day on, the fine has been raised to $2.500.

Today, only one toe is left. The Club staff therefore published an ad on the paper, and — as reported by ABC — is seems they already received some offers.

In conclusion, if you think you don’t have the stomach to become a member of the Sourtoe Cocktail Club, we suggest this clever workaround: you can always become a donor… and have your name immortalized in the Sourtoe Hall of Fame.

Il corpo del gigante

We have already told many stories about the big family of human wonders, those unique and peculiar people that we call freaks – but in the affectionate meaning, to claim diversity as a value, as something to be proud of.
As happens to many freaks, the life of Edouard Beaupré began in a completely ordinary way and without any presage of an extraordinary future. Born on January 9, 1881, Edouard was the first child baptized in the small community of
Willow Bunch, in the Canadian prairies, that today has less than three hundreds inhabitants.

He was the eldest of the twenty children of Florestine Piché and Gaspard Beaupré, and during the first three years of his life, he didn’t show any distinguishing mark; but things were soon to change. The child began to grow at incredible speed: at the age of nine, he was already 1.83 metre tall. The boy’s body continued to steadily grow in weight and stature, and it was impossible to check his prodigious development.

edouardbeaupre (4)

All things considered Edouard was still a handsome boy, sweet and kind, a very skilful rider, and dreamt of becoming a cowboy. But luck was definitely not on his side: one day, while he was trying to tame an over-excited horse, the animal planted a violent kick on his face and the hoof broke his nasal septum.

ca79d6bff1af58e9b9a7a10585420e38

Now the giant was also disfigured. Pressed by his parents, he therefore decided to enter the show business, relying on his extraordinary body, in order to financially support his family.
Edouard started touring Canada and the United States and his popularity grew until he was even hired by Barnum & Bailey, the biggest and most popular of all circuses.

CG-Geant-Beaupre-1

1a8beba529461043dad48f1b5c44974e

Gigantism often involves bone and muscle problems and most giants, in spite of their body size, are very fragile and weak. This was not the case of Edouard Beaupré, whose physique was at the heart of his show: he merged, so to speak, two different traditional sideshow figures in one single performer – he was at the same time a giant and a strongman.

His show consisted of several trials of strength and weightlifting. But it was the final coup de théâtre that invariably left the audience amazed and breathless. Edouard had one of his beloved horses called on the track. He playfully explained that, when he was a boy, he had given up on his dream of becoming a cowboy because, even when he was riding the tallest horse, his legs touched the ground; now he used the animal to keep himself fit… this said, Edouard bent under the horse and, shouldering the beast, lifted it above the ground. Thus lifting more than 4 hundred kilos.

r-a3465

tumblr_n84t3kQsf01qcw9y0o1_1280

edouardbeaupre (5)

On the 25th March 1901 Edouard, although exhausted by a disease that the following year would turn out to be tuberculosis, had a wrestling match with Louis Cyr, who is still considered the strongest man of all times – he could lift 227 kilograms with a finger and carry almost two tons on his back. On that occasion Edouard was officially measured: he was 2.37 metres tall. The match lasted a very short time: the giant was defeated in the twinkling of an eye because he did not even dare touch the great champion. According to those who knew him well, maybe Edouard – who was kind by nature – was afraid to hurt his opponent.

edouard_beaupre10

On the 3rd of July 1904, after his usual performance at the Saint Louis World’s Fair, Beaupré collapsed. The steady and inexorable growth, and tuberculosis had prevailed over his physique and caused a pulmonary hemorrhage. When he was carried to the hospital, Edouard was at death’s door and just had the time to mutter how sad it was to die so young and so far from his parents. So the famous Willow Bunch Giant passed away, when he was only 23.
But this was not the end of his story.

Édouard_Beaupré

A certain Dr. Gradwohl carried out a post-mortem on his corpse and, as expected, found a pituitary tumour that had probably caused Edouard’s gigantism. Then the corpse was entrusted to the care of a funeral firm, Eberle & Keyes, to be embalmed and prepared for burial. The corpse should have returned to Edouard’s home village, but the circus manager, William Burke, convinced the Beaupré family that costs would be too high and that Edouard would be given a proper burial also where he was. When his parents gave their consent, they didn’t suspect that Burke was not willing to pay a penny. Burke cut and ran after making his parents believe that the funeral had been held and that their son was buried in St. Louis cemetery. He left the corpse at the funeral home and left again with the circus heading to another town.

The managers of the funeral home, enraged because they hadn’t been paid, decided to display the giant’s body in the shop window in order to recover the expenses for the embalming. This did not last for long, because after a few days the police asked to remove it from the public views. So began the odyssey of Edouard’s corpse: at the beginning it was sold to a traveling showman, then was brought back to Montréal by a friend of the Beaupré family, Pascal Bonneau. There it was exhibited for six months at the Eden Museum in Rue St. Laurent, a sort of squalid wax museum; and yet the queue people formed to see the giant was so long that it blocked the street. Around 1907 the corpse became the propriety of the Montréal Circus, another waning reality. Exhibited on a catafalque, the embalmed corpse was an easy prey to dampness, that damaged it, until the circus went bankrupt. Accused of “unauthorised corpse exhibition”, the proprietors left Edouard’s remains in a shed in Bellerive city park. Horrified, some children discovered it, while they were playing in the park.

Huge body of man found by children to Bellerive Park – a lush but poor part of town. The local doctor was called, and I was notified that it was in the presence of a giant human. The condition of the remains is not specified. I bought this amazing discovery with high hopes for the search and examination. The doctor asked me for sneaking that can cost such a treasure. I told him to bring the corpse, a lot.These words were noted down on the journal of Dr. Louis-Napoléon Délorme – who was fond of deformities – that paid 25 dollars for Edouard’s body. Considering the poor conditions of the corpse, he went on to mummify it, and used it for several dissections with his students at the Montréal University. The giant finally found a new accommodation, at the Faculty of Medicine, where it was potted in a display cabinet.

edouardbeaupre

10bed7b9fd59434681bf222d780d02b6

Edouard Beaupré remained there until the 1970s, when his nephew Ovila Lespérance asked the University to return the remains of the giant of Willow Bunch to his family. In 1989 the academic committee consented to the cremation of Edouard’s remains, that on the 7th of July 1990 were finally inhumed in the small Canadian town. Today a life-size statue reproduces Beaupré’s features and tourists can also compare their own feet to the track left by a shoe of the gentle giant. Who, after 85 years of vicissitudes, rests in peace at last.

3614609457_07da02077b_z

willo-bunch-giant  2013-07-04_126_sas_can

51B69C4B-1560-95DA-43CED657D4459BA8

The contents of this article are mostly taken from The Anatomy of Edouard Beaupré, by Sarah Kathryn York.

coteaubooks-com-Edouard-Beaupre

Un buco allo stomaco

canada-cenario

Il Canada, all’inizio dell’800, era una terra più selvaggia e incontaminata di quanto non lo sia ancora oggi. La Francia napoleonica aveva ormai definitivamente rinunciato alle sue colonie in Nord America, lasciandole in mano all’Impero Britannico; il governo coloniale inglese aveva dunque cominciato a regolamentare il commercio di pelli in Basso Canada, uno dei mercati all’epoca più lucrativi. Quelli che un tempo erano chiamati coureur des bois – contrabbandieri che intrattenevano dei rapporti con le tribù di Nativi Americani, dalle quali acquistavano le pellicce di castoro – vennero messi in regola, e assunsero il più rispettabile nome di voyageur. I voyageur si muovevano in team, e conducevano le grandi canoe-cargo lungo i fiumi del Canada, trasportandole via terra qualora incontrassero rapide o cascate; il lavoro era pesante, ma anche ricco di avventura e pericolo, tanto che i voyageur avevano un loro esclusivo bagaglio di leggende e canzoni.

St_Martin_Alexis_67
Uno di questi “viaggiatori” si chiamava Alexis Bidagan, detto St. Martin.
Nato nel 1802 a Berthier (per inciso, la stessa piccola cittadina che quasi 150 dopo avrebbe visto crescere il pilota Villeneuve), Alexis era canadese di terza generazione. Suo nonno proveniva da Bayonne nei Pirenei, suo padre si chiamava Joseph Pierre Bidagan e sua madre Marie Des Agnes Angelique Guibeau. Un suo fratello omonimo era nato nel 1794, ma era morto a pochi anni di età. Queste sono le sole informazioni biografiche che abbiamo di lui, a partire dal suo certificato di nascita.
Povero, senza un’istruzione, Alexis St. Martin (come si faceva chiamare) batteva foreste, fiumi e laghi della provincia del Quebec per conto della American Fur Company: ma il suo nome sarebbe rimasto completamente sepolto nelle pieghe della storia, se non fosse stato per quel fatidico incidente occorso il 6 giugno del 1822.

Quella mattina Alexis si trovava all’interno di un negozio sull’isola Mackinac, nel bel mezzo dello Huron, uno dei passaggi strategici nella regione dei Grandi Laghi per il commercio di pelli. A meno di un metro da lui stava in piedi un uomo che imbracciava un fucile caricato per la caccia alle anatre. Accidentalmente, il moschetto fece fuoco e la scarica di pallini colpì Alexis in pieno fianco. I proiettili gli strapparono i muscoli, alcune parti di costole andarono in frantumi, e l’imbottitura della sua giacca e i pezzi di vestiti vennero sparati dentro al suo corpo. Mentre si accasciava con la giacca in fiamme, gli astanti che cercarono di prestargli soccorso capirono immediatamente che per lui non c’erano più speranze.

William_Beaumont_painting
Dal vicino fortino dell’Esercito Americano venne chiamato di gran carriera il medico militare, Dr. William Beaumont, che arrivò sulla scena a pochi minuti dall’incidente. Quello che gli si parò davanti era davvero un caso disperato. Dopo aver rimosso i brandelli di vestiti, pulito la carne e spuntato in maniera più regolare i bordi della ferita, il medico esaminò meglio il danno causato:

La ferita era stata ricevuta appena sotto il seno sinistro e aveva, in quel momento, tutto l’aspetto d’essere mortale. Un larga parte del fianco era esplosa, le costole erano fratturate e vi erano aperture nelle cavità del petto e dell’addome, attraverso le quali protundevano porzioni di polmoni e stomaco, di molto lacerati e bruciati, rendendo il caso terribilmente disperato. Il diaframma era lacerato e una perforazione si era aperta direttamente nella cavità dello stomaco, attraverso cui scivolava fuori il cibo della colazione.

Dopo aver tamponato la ferita e somministrato un catartico al paziente, il medico confidò ad uno dei presenti: “quest’uomo non sopravvivrà trentasei ore; verrò a visitarlo ogni tanto“. Ma Alexis St. Martin, è il caso di dirlo, aveva la pelle più dura di quanto ci si sarebbe potuti aspettare.

Nei diciassette giorni successivi, qualsiasi cibo ingerisse per bocca usciva subito dall’apertura nel suo stomaco. Così il Dr. Beaumont lo alimentò con clisteri nutritivi, finché St. Martin non cominciò a riprendersi lentamente; gli intestini ricominciarono la loro regolare attività, e la quarta settimana Alexis iniziò a mangiare normalmente.
Durante la quinta settimana, successe qualcosa di davvero particolare: il foro nello stomaco di St. Martin e il foro nella pelle del fianco aderirono e si fusero assieme, creando una fistola gastrica permanente grande più o meno come una moneta. Certo, lo stomaco era in questo modo sempre aperto verso l’esterno; ma almeno il cibo non sarebbe scivolato fra un buco e l’altro, finendo per perdersi nella cavità addominale con conseguenze facilmente immaginabili. In questo modo, “tappando” con garze e bendaggi la fistola, la digestione del paziente poteva svolgersi in maniera naturale.

alexiswound

Engraving_by_Dr_William_Beaumont

1b600fc8819ac88312fab4cbafa0f2ae

Ovviamente il ricovero fu lungo e difficoltoso. Tre mesi dopo, Beaumont stava ancora estraendo pallini di piombo dagli ascessi intorno alla ferita, rimuovendo pezzi instabili di costole e cartilagini. Dopo dieci mesi, nonostante le sue condizioni migliorassero, St. Martin era ancora messo piuttosto male, e non essendo in grado di lavorare le autorità locali decisero che sarebbe stato rispedito nella sua terra natale. Ma Beaumont sapeva che Alexis non avrebbe retto il lungo viaggio, e lo accolse in casa sua, continuando a curarlo.

Passarono quasi due anni dall’incidente quando, nell’aprile del 1824, Beaumont riuscì a far entrare St. Martin nell’Esercito Americano come suo impiegato. Alexis si dedicò quindi ad ogni tipo di lavoro in casa, dalle pulizie, al lavoro nei campi, al tagliare la legna; si era ristabilito talmente bene che, a parte il bendaggio sullo stomaco, che doveva tenere costantemente pulito, non si lamentò mai una sola volta per il dolore o la fatica.

Se fino ad ora il Dr. Beaumont vi è sembrato un uomo gentile e premuroso – cosa che probabilmente sarà anche stata vera – da questo momento in poi il suo rapporto con il paziente prende una piega che ai nostri occhi moderni è certamente poco piacevole; ma occorre ricordare che stiamo parlando della prima metà dell’800, quando la professione medica non aveva gli stessi standard etici di oggi. Così, invece di suturare la fistola del povero e ignorante trasportatore di pellame ormai completamente ristabilitosi, e lasciarlo andare per la sua strada, il Dr. Beaumont cominciò a vedere in lui un’opportunità scientifica unica.

Questo caso permette in maniera eccellente di sperimentare sui fluidi gastrici, e il processo della digestione. Non causerebbe dolore, né provocherebbe il minimo fastidio, l’estrarre un campione di fluido ogni due o tre giorni, dacché frequentemente e in maniera spontanea esce in considerevoli quantità; e si potrebbero introdurre varie sostanze digeribili nello stomaco, ed esaminarle facilmente durante l’intero processo di digestione. Potrei, dunque, essere in grado di svolgere alcuni interessanti esperimenti al riguardo.

Corbis-BE060798

Nel 1825 Beaumont diede inizio agli esperimenti sullo stomaco che continueranno, a fasi alterne, fino al 1833. Il dottore inseriva pezzi di cibo direttamente attraverso la fistola, per poi estrarli tramite un filo al quale erano stati legati in precedenza; nonostante i buoni propositi del medico, le sue manipolazioni non erano prive di effetti collaterali e in alcuni casi provocavano nella “cavia umana” reazioni decisamente poco piacevoli – nausea, difficoltà respiratorie, vertigini, offuscamento della vista, se non dei veri e propri dolori lancinanti.
Così non c’è da sorprendersi che il paziente, per tre volte nel corso di quegli otto anni, decidesse di interrompere gli esperimenti nonostante le proteste di Beaumont, e tornasse a casa dalla moglie Marie e dai figli. Salvo scoprirsi, poco dopo, talmente povero da dover accondiscendere nuovamente alle pressanti richieste del ricercatore.

Beaumont2

Dal 1833 in poi, i rapporti fra i due si guastarono. St. Martin si stabilì in Quebec, e per i vent’anni successivi Beaumont cercherà disperatamente di farlo tornare da lui per riprendere gli esperimenti.
Dalla loro corrispondenza, emerge un rapporto emblematico della relazione che c’era all’epoca fra medico e paziente: Beaumont appare totalmente ossessionato dal buco nello stomaco di St. Martin, intollerante del fatto che un reietto della società possa rifiutarsi di contribuire al progresso scientifico, quando dovrebbe sentirsi onorato anche solo della compagnia di un esimio dottore; dall’altra St. Martin, nelle lettere dettate al suo parroco e inviate a Beaumont, rivela certamente rispetto e riconoscenza per il benefattore, ma anche la necessità di far fronte alle preoccupazioni materiali della sua famiglia, versante nella povertà più assoluta. Ma le richieste di Alexis di poter portare la moglie e i figli con sé (a spese del medico) non vennero ascoltate.
Fra le insistenze di Beaumont e le controproposte di St. Martin, i due uomini non troveranno mai un accordo, e non si vedranno più.

Nel frattempo, però, il Dr. William Beaumont pubblicò nel 1833 il suo Experiments and Observations on the Gastric Juice, and the Physiology of Digestion, un testo dall’importanza fondamentale per la comprensione dei processi digestivi, e le cui tabelle dietetiche rimarranno in uso per quasi un secolo. I suoi 240 esperimenti sullo stomaco di St. Martin provarono come la digestione fosse inconfutabilmente un processo chimico – un argomento su cui si discuteva da sempre.
Considerato oggi, nonostante tutto, un vero e proprio pioniere della fisiologia, Beaumont morì nell’aprile del 1853 a causa delle ferite riportate un mese prima, scivolando su alcuni gradini ricoperti di ghiaccio.

A quel punto cominciò forse la fase più triste della vita di Alexis St. Martin. Senza un soldo e dipendente dall’alcol, egli accettò l’invito di un ciarlatano che si faceva chiamare “Dr. Bunting” per un tour di più di dieci città negli Stati Uniti, esponendo il suo straordinario buco nello stomaco per racimolare un po’ di soldi. I medici che assistettero ad alcune tappe del tour conclusero che Bunting era tutto fuorché un dottore, e che l’ormai sessantenne St. Martin che esibiva il suo stomaco perforato era soltanto un povero ubriaco. L’attenzione della stampa fece rizzare le orecchie perfino al celeberrimo imprenditore circense P.T. Barnum, ma Alexis non venne mai ingaggiato.

St_Martin_Alexis
St. Martin si ritirò definitivamente a St. Thomas de Joliette, Quebec, e qui morì il 24 giugno 1880. Alla messa per il suo funerale, la bara restò fuori dalla chiesa, per il troppo odore: la famiglia aveva infatti lasciato che il corpo si decomponesse in maniera irreparabile, di modo che i ladri di cadaveri non trafugassero le spoglie per portarle in segreto alla comunità medica. Dal giorno in cui Alexis era morto, la famiglia aveva dovuto subire le pressioni dei numerosi medici impazienti di poter eseguire un’autopsia, o di conservare il favoloso “stomaco a tre buchi” in un museo. Per ulteriore sicurezza, la bara venne posta ad otto piedi di profondità nel camposanto, invece che ai regolari sei piedi.

Alexis & Marie

A ottant’anni dalla morte di Alexis St. Martin, la Società di Fisiologia Canadese gli pagò un commovente tributo postumo con una solenne cerimonia, rintracciando i suoi eredi e infine la sua tomba, su cui oggi è visibile una targa dedicata all’uomo che “attraverso la sua afflizione, servì l’umanità intera“.

Madame Tutli-Putli

Una fragile giovane donna sale su un treno notturno, e fa la conoscenza degli strani e inquietanti personaggi che condividono il suo scompartimento: il viaggio si trasforma presto in un incubo lynchiano e surreale.

Questa la semplice trama del cortometraggio d’animazione Madame Tutli-Putli (2007) di Chris Lavis e Maciek Szczerbowski, prodotto dal National Film Board of Canada e vincitore di una serie di prestigiosi premi. Ma la vera forza del film sta in una particolare innovazione apportata alla risaputa tecnica della stop-motion: gli occhi dei personaggi sono infatti quelli di attori reali, girati dal vero e compositati in seguito sul volto dei pupazzi animati a passo uno. Basta questo a fare la differenza, perché gli occhi sono sempre il fulcro dell’emozione.

Il processo, lungo e laborioso, ha impiegato più di cinque anni di lavoro, eppure il frutto della fatica degli animatori è tutto sullo schermo: mai, prima di Madame Tutli-Putli, si erano visti dei pupazzi talmente vivi, espressivi e umani come quelli messi in scena dai registi canadesi.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=GGyLP6R4HTE]

Gopher Hole Museum

(Articolo a cura della nostra guestblogger Marialuisa)

Nel caso a qualcuno venisse voglia di farsi un tour del Canada e passasse per caso da Tourrington, ad Alberta, non si dimentichi di visitare il motivo per cui la piccola cittadina ha iniziato a godere di fama internazionale, il Gopher Hole Museum.

Aperto nel 1995 nel tentativo di aumentare il turismo locale, il Gopher Hole Museum è un’esposizione stabile di ben 47 diorama rappresentanti scene di umana quotidianità… interpretate però da graziosi scoiattoli impagliati. Come per tutto ciò che riguarda la tassidermia, sta a chi guarda decidere se tutto questo è affascinante, divertente o raccapricciante.

Gli scoiattoli sono agghindati e vestiti di tutto punto, a tema con il loro “buco” (gopher hole si riferisce infatti alle tane scavate nel terreno da questi particolari roditori), arredato con minuzia di particolari, dove ci vengono mostrati perfino i loro pensieri e dialoghi attraverso dei fumetti attaccati agli scoiattoli stessi o disegnati sullo sfondo.


Il museo, alla sua apertura, era passato del tutto inosservato; paradossalmente, infatti, la gloria internazionale è arrivata dall’involontaria pubblicità gratuita generata dall’entrata in gioco del PETA, movimento per il trattamento etico degli animali.
L’apertura del museo, con i suoi allegri animaletti impagliati, ha generato malcontento e suscitato forti critiche dal movimento. La contestazione principale è quella che si sarebbe potuto creare lo stesso museo utilizzando riproduzioni piuttosto che veri scoiattoli. Si può discutere su come l’utilizzo di riproduzioni piuttosto che animali veri avrebbe modificato l’effetto visivo dei diorami; tuttavia è interessante conoscere la risposta di una dei curatori del museo.

La risposta di Angie Falk alle critiche animaliste è che questi scoiattoli di terra, con le gallerie che scavano, sono un grosso problema per gli agricoltori di Tourrington; essendo in sovrannumero vengono comunque soppressi e abbattuti, a prescindere dal Museo. Quindi perché non riutilizzarli per motivi artistici ed economici?

Di arte si può in effetti parlare, osservando come le scene raffigurate nel Museo siano in realtà uno specchio della vita ad Alberta: piccole attività artigiane, allevatori, negozi e persino scene religiose, tutti rappresentanti un piccolo spaccato di società; l’aspetto artistico popolare dell’operazione è evidente. La capacità e il talento necessari per dare vita e naturalezza a questi quadretti di vita quotidiana non sono affatto scontati, e per questo tutte le installazioni sono curate dalla migliore artista tassidermica locale, di nome Shelley Haase.

Certo, la bellezza è sempre soggettiva; ma senz’altro il Gopher Hole Museum è un modo quantomeno originale di “riciclare”.

A questo link potete trovare una raccolta di immagini dei diorami.

Le gemelle Hogan

Abbiamo già parlato di gemelli siamesi in questo post. Eppure le gemelline Hogan hanno qualcosa di davvero unico e sorprendente.

Nate nel 2006 a Vancouver, in Canada, le due sorelline Tatiana e Krista sono unite per la testa (craniopagia). Non possono essere separate, perché i loro sistemi nervosi sono intimamente  interconnessi, e un’operazione in questo senso potrebbe ucciderle o renderle paralizzate.

Le due gemelline condividono parte dello stesso cervello, e la loro incredibile particolarità è che, pur avendo due personalità distinte, i loro sistemi limbici e nervosi sono intrecciati indissolubilmente. I loro talami, sede delle emozioni, sono fusi assieme. Questo implica una conseguenza sconcertante: una gemellina può avvertire quello che prova, emotivamente, l’altra. Fin dalla nascita, se la mamma faceva il solletico a Krista, anche Tatiana si metteva a ridere. E se a Tatiana davano un ciuccio, anche Krista smetteva di piangere.

Mano a mano che le sorelline Hogan crescono, gli scienziati scoprono “abilità” sempre più insolite. È stato addirittura confermato che possono “vedere” ciascuna attraverso gli occhi dell’altra – vale a dire che le immagini catturate dalla retina di una gemella si formano anche nella corteccia della sorella. Questa simbiosi è più unica che rara, e per questo le gemelle Hogan sono state assaltate dalla stampa, almeno fino a quando i genitori non hanno firmato un’esclusiva per un documentario a cura del National Geographic.

Oggi le bambine, dopo alcuni problemi di salute e qualche operazione (pienamente riuscita), stanno crescendo bene: hanno cominciato a camminare, parlare e contare. Nessuno può predire con certezza come si evolverà la loro personalità. I loro cervelli sono infatti distinti, e al tempo stesso collegati tramite il tronco encefalico e il talamo. Ogni cervello lancia segnali all’altro, e ne riceve. Ovviamente la stampa ha tirato in ballo la fantascienza, la telepatia, eccetera, ma questa è semplicemente la natura nella sua declinazione più bizzarra. E, se le gemelline godranno di buona salute come sembra probabile, la loro vicenda potrà forse segnare una svolta nello studio della formazione di pattern di informazione a livello cerebrale, e perché no, illuminare molti dei quesiti che assillano filosofi e neurologi da decenni. Cos’è l’identità? Come e dove esattamente si forma la coscienza?

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=42A0GdmQ02M]

Per il momento le gemelline Hogan continuano a giocare, ignare di tutti questi problemi, e sperimentano quotidianamente un grado di intimità di pensiero che nessuno di noi può nemmeno immaginare. E questa, per loro, è l’unica realtà che esiste.

Sombra Dolorosa

Il cortometraggio Sombra Dolorosa (2004) di Guy Maddin è un delirante pastiche nel classico stile del geniale regista canadese: narra la storia di Paramo, una vedova messicana che, per scongiurare il suicidio della figlia, deve sfidare il lottatore El Muerto (il divoratore di anime) prima della fine dell’eclisse solare. Una volta battuto, El Muerto dovrà mangiare il corpo del marito defunto di Paramo e “liberare” la sua anima, che entrata nel corpo di un mulo potrà cominciare il suo infinito girovagare per il mondo.

Con il suo “consueto” stile che unisce espressionismo tedesco, avanguardia russa e arte costruttivista, Maddin riesce (per una volta anche in un filmato a colori, lui che usualmente utilizza solo il bianco e nero) a coniugare l’atmosfera da film muto con il suo inconfondibile montaggio frammentario e “neurologico”. Un artista ancora ingiustamente poco conosciuto da noi, Maddin è autore di lugometraggi poetici e originalissimi, come The Saddest Music In The World (2003), Tales From The Gimli Hospital (1988) e My Winnipeg (2007).

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=hs9iqu83E9Y]