Collectible tattoos

For some days now I have been receiving suggestions about Dr. Masaichi Fukushi‘s tattoo collection, belonging to Tokyo University Pathology Department. I am willing to write about it, because the topic is more multifaceted than it looks.

Said collection is both well-known and somewhat obscure.
Born in 1878, Dr. Fukushi was studying the formation of nevi on the skin around 1907, when his research led him to examine the correlation between the movement of melanine through vascularized epidermis and the injection of pigments under the skin in tattoos. His interest was further fueled by a peculiar discovery: the presence of a tattoo seemed to prevent the signs of syphilis from appearing in that area of the body.

In 1920 Dr. Fukushi entered the Mitsui Memorial Hospital, a charity structure where treatment was offered to the most disadvantaged social classes. In this environment, he came in contact with many tattooed persons and, after a short period in Germany, he continued his research on the formation of congenital moles at Nippon Medical University. Here, often carrying out autopsies, he developed an original method of preserving tattooed epidermis he took from corpses; he therefore began collecting various samples, managing to stretch the skin so that it could be exhibited inside a glass frame.

It seems Dr. Fukushi did not have an exclusively scientific interest in tattoos, but was also quite compassionate. Tattooed people, in fact, often came from the poorest and most problematic bracket of japanese society, and Fukushi’s sympathy for the less fortunate even pushed him, in some instances, to take over the expenses for those who could not afford to complete an unfinished tattoo. In return, the doctor asked for permission to remove their skin post mortem. But his passion for tattoos also took the form of photographic records: he collected more than 3.000 pictures, which were destroyed during the bombing of Tokyo in WWII.
This was not the only loss, for a good number of tattooed skins were stolen in Chicago as the doctor was touring the States giving a series of academic lectures between 1927 and 1928.
Fukushi’s work gained international attention in the 40s and the 50s, when several articles appeared on the newspapers, such as the one above published on Life magazine.

Life

As we said earlier, the collection endured heavy losses during the 1945 bombings. However some skin samples, which had been secured elsewhere, were saved and — after being handed down to Fukushi’s son, Kalsunari — they could be today inside the Pathology Department, even if not available to the public. It is said that among the specimens there are some nearly complete skin suits, showing tattoos over the whole body surface. All this is hard to verify, as the Department is not open to the public and no official information seems to be found online.

Then again, if in the Western world tattoo is by now such a widespread trend that it hardly sparks any controversy, it still remains quite taboo in Japan.
Some time ago, the great Italian tattoo artist Pietro Sedda (author of the marvelous Black Novel For Lovers) told me about his last trip to Japan, and how in that country tattooers still operate almost in secret, in small, anonymous parlors with no store signs, often hidden inside common apartment buildings. The fact that tattoos are normally seen in a negative way could be related to the traditional association of this art form with yakuza members, even though in some juvenile contexts fashion tattoos are quite common nowadays.

A tattoo stygma existed in Western countries up to half a century ago, ratified by explicit prohibitions in papal bulls. One famous exception were the tattoos made by “marker friars” of the Loreto Sanctuary, who painted christian, propitiatory or widowhood symbols on the hands of the faithful. But in general the only ones who decorated their bodies were traditionally the outcast, marginalized members of the community: pirates, mercenaries, deserters, outlaws. In his most famous essay, Criminal Man (1876), Cesare Lombroso classified every tattoo variation he had encountered in prisoners, interpreting them through his (now outdated) theory of atavism: criminals were, in his view, Darwinianly unevolved individuals who tattooed themselves as if responding to an innate primitiveness, typical of savage peoples — who not surprisingly practiced tribal tattooing.

Coming back to the human hides preserved by Dr. Fukushi, this is not the only, nor the largest, collection of its kind. The record goes to London’s Wellcome Collection, which houses around 300 individual pieces of tattoed skin (as opposed to the 105 specimens allegedly stored in Tokyo), dating back to the end of XIX Century.

enhanced-buzz-wide-23927-1435850033-7

enhanced-buzz-wide-23751-1435850156-21

enhanced-buzz-wide-19498-1435849839-13

enhanced-buzz-wide-18573-1435849882-14

Human_skin_tattooed_with_the_words_République_Française_F_Wellcome_L0057040

The edges of these specimens show a typical arched pattern due to being pinned while drying. And the world opened up by these traces from the past is quite touching, as are the motivations that can be guessed behind an indelible inscription on the skin. Today a tattoo is often little more than a basic decoration, a tribal motif (the meaning of which is often ignored) around an ankle, an embellishment that turns the body into a sort of narcissistic canvas; in a time when a tattoo was instead a symbol of rebellion against the establishment, and in itself could cause many troubles, the choice of the subject was of paramount relevance. Every love tattoo likely implied a dangerous or “forbidden” relationship; every sentence injected under the skin by the needle became the ultimate statement, a philosophy of life.

enhanced-buzz-wide-18325-1435849786-17

enhanced-buzz-wide-22871-1435849601-14

enhanced-buzz-wide-25187-1435849704-8

enhanced-buzz-wide-26586-1435849809-15

enhanced-buzz-wide-27691-1435849758-7

These collections, however macabre they may seem, open a window on a non-aligned sensibility. They are, so to speak, an illustrated atlas of that part of society which is normally not contemplated nor sung by official history: rejects, losers, outsiders.
Collected in a time when they were meant as a taxonomy of symbols allowing identification and prevention of specific “perverse” psychologies, they now speak of a humanity who let their freak flag fly.

enhanced-buzz-wide-16612-1435849486-7

enhanced-buzz-wide-32243-1435849426-7

enhanced-buzz-wide-31525-1435849449-17

enhanced-buzz-wide-16819-1435849507-7

(Thanks to all those who submitted the Fukushi collection.)

Il Museo Criminologico di Roma

2013-01-03 11.01.00

Nella seconda metà dell’800, in Europa e in Italia, divenne sempre più evidente la necessità di una riforma carceraria; allo stesso tempo, e grazie agli intensi dibattiti sulla questione, crebbe l’interesse per lo studi delle cause della delinquenza, e dei possibili metodi per curarla. Mentre quindi la Polizia Scientifica muoveva i primi passi, il grande criminologo Cesare Lombroso studiava le possibili correlazioni fra la morfologia fisica e l’attitudine al delitto, e grazie a lui prendeva vita il primo, grande museo di antropologia criminale a Torino.

A Roma, invece, si dovette aspettare fino al 1931 perché potesse aprire al pubblico il “Museo Criminale”, che ospitava la collezione di reperti utilizzati precedentemente per gli studi della scuola di Polizia scientifica. Il Museo ebbe poi fasi e fortune alterne, tanto da venire chiuso nel 1968, e riaperto solo nel 1975 con la nuova denominazione “MUCRI – Museo criminologico”. La nuova sede, all’interno delle carceri del palazzo del Gonfalone, è quella in cui il Museo si trova ancora oggi. Dalla fine degli anni ’70 il museo è stato nuovamente chiuso per quasi vent’anni, per riaprire al pubblico nel 1994.

Il Museo oggi conta centinaia di reperti, divisi in tre grandi sezioni: la Giustizia dal Medioevo al XIX secolo, l’Ottocento e l’evoluzione del sistema penitenziario, il Novecento e i protagonisti del crimine.

2013-01-03 10.41.38

2013-01-03 10.49.54

2013-01-03 10.51.53
La prima sezione, che ripercorre i metodi di punizione e di tortura in uso dal Medioevo fino al XIX secolo, è ovviamente la più impressionante. Dalle asce per decapitazione cinquecentesche, alle gogne, ai banchi di fustigazione, alle mordacchie, agli strumenti di tortura dell’Inquisizione, tutto ci parla di un’epoca in cui la crudeltà delle pene eguagliava, se non addirittura superava, quella del crimine stesso. Fra gli oggetti esposti segnaliamo la tonaca del celebre boia pontificio Mastro Titta, la spada che decapitò Beatrice Cenci, una forca e tre ghigliottine (fra cui quella in uso a Piazza del Popolo fino al 1869).

517507417_db6b739f85_z

2013-01-03 10.52.41

2013-01-03 10.52.26

2013-01-03 10.47.10
Nella seconda sezione, dedicata all’Ottocento, troviamo traccia della nascita dell’antropologia criminale, e dell’evoluzione del sistema carcerario. Possiamo vedere il calco del cranio del brigante Giuseppe Villella (su cui Lombroso scoprì nel 1872 la “prova” della delinquenza atavica: la “fossetta occipitale mediana”); lo spazio dedicato agli attentati politici espone, tra l’altro, il cranio, il cervello e gli scritti dell’anarchico lucano Giovanni Passannante, che attentò alla vita del re Umberto I a Napoli, nel 1878. Ugualmente impressionanti il letto di contenzione e le camicie di forza che testimoniano la nascita dei manicomi criminali.

giovannipassannante_cervello

7165628283_224f9178e4_c

2013-01-03 11.03.08

2013-01-03 11.02.55

2013-01-03 10.57.08

2013-01-03 10.56.39

2013-01-03 11.00.33

2013-01-03 11.02.23
Ma forse la parte più sorprendente è quella delle cosiddette “malizie carcerarie”, ovvero i sotterfugi con cui i detenuti comunicavano tra di loro, occultavano armi o inventavano sistemi per evadere o compiere atti di autolesionismo. Un’estrema inventiva che si tinge di toni tristi e spesso macabri.

7165624283_d429147e2e_c
L’ultima sezione, quella dedicata ai grandi episodi di cronaca nera del Novecento, è una vera e propria wunderkammer del crimine, dove decine e decine di oggetti e reperti sono esposti in un percorso eterogeneo che spazia dagli anni ’30 agli anni ’90. Una stanza ospita armi e indizi trovati sulla scena dei delitti italiani fra i più celebri, come ad esempio quelli perpetrati da Leonarda Cianciulli, la “saponificatrice di Correggio”; tra gli altri, sono esibiti gli oggetti personali di Antonietta Longo, la “decapitata di Castelgandolfo”, le armi della banda Casaroli, la pistola con cui la contessa Bellentani uccise il suo amante durante una sfarzosa serata di gala. Vi si trovano anche materiali pornografici sequestrati (quando erano ancora illegali), ed esempi di merce di contrabbando, inclusi numerosi quadri ed opere d’arte.

7350834806_d8df25bcfb_c

2013-01-03 11.07.17

2013-01-03 11.10.56

2013-01-03 11.04.53
Altre vetrine interessanti ripercorrono le testimonianze relative alla criminalità organizzata, al banditismo (con oggetti appartenuti a Salvatore Giuliano), al terrorismo, e a tutte le declinazioni possibili del crimine (furti, falsi, giochi d’azzardo, ecc.). Nella sezione dedicata allo spionaggio si può ammirare uno splendido e curioso baule dentro il quale fu rinvenuto, dopo un rocambolesco inseguimento, un piccolo ometto seduto su un seggiolino, legato con le cinghie e avvolto da coperte e cuscini. Si trattava di una spia che cercava di imbarcarsi clandestinamente all’aeroporto di Fiumicino.

2013-01-03 11.15.06

2013-01-03 11.15.18
Il Museo Criminologico si trova in Via del Gonfalone 29 (una laterale di Via Giulia), ed è aperto dal martedì al sabato dalle ore 9 alle 13; martedì e giovedì dalle 14.30 alle 18.30. Ecco il sito ufficiale del MUCRI.

AGGIORNAMENTO: dal 01 giugno 2016 il MUCRI è chiuso, e non è stata comunicata una data di riapertura.

Le scarpe del bandito

big_nose

Era l’epoca d’oro dei fuorilegge, quella in cui Jesse James e suo fratello terrorizzavano il far west, gli anni delle rapine alle diligenze e alle ferrovie. In quel tempo, nella seconda metà dell’800, Big Nose George Parrott era lontano dall’essere una leggenda: un outlaw di mezza tacca, ladro di cavalli e borseggiatore. Le cose sarebbero cambiate, la fama l’avrebbe infine raggiunto, ma non nel modo in cui Big Nose si sarebbe potuto aspettare.

Nel 1878, Parrott e la sua banda erano al verde e cercavano un bottino più ghiotto delle solite razzie nelle stalle. Così il 19 agosto decisero di fare il colpo grosso: avrebbero fatto deragliare un treno della Union Pacific e l’avrebbero saccheggiato. Sette fuorilegge si nascosero nei cespugli aspettando l’arrivo del treno, quando una pattuglia di guardia arrivò sul posto e scoprì che la ferrovia era stata manomessa. La polizia venne chiamata e in poco tempo due ufficiali scovarono i malviventi. La gang però ebbe la meglio, e uccise i due poliziotti. Secondo alcune fonti, i banditi smembrarono i corpi come avvertimento a chi avesse tentato di inseguirli.

Questa crudeltà fece imbestialire la Union Pacific Railroad, che moltiplicò gli sforzi per trovare i fuggitivi, e offrì una taglia di 10.000 dollari, più tardi raddoppiata a 20.000, per la loro cattura.

L’anno successivo alcuni membri della gang vennero arrestati; uno di loro, Dutch Charlie, non riuscì neppure ad arrivare al processo: una folla inferocita lo strappò dalle mani dei poliziotti e lo impiccò a un palo del telegrafo. Nel 1880 fu la volta di Big Nose George. Dopo essersi vantato in un saloon, da ubriaco, di aver ucciso i due ufficiali della rapina al treno, Parrott venne arrestato nel 1880 a Miles City.

Riportato nel Wyoming, dove il doppio omicidio era avvenuto, Parrott venne condannato all’impiccagione, prevista per il 2 aprile 1881. Ma Big Nose George non si diede per vinto. Il 22 marzo, con una pietra e un coltellino che era riuscito a nascondere, scassinò le pesanti catene alle sue caviglie; aspettò nascosto nella stanza da bagno e aggredì il secondino, fratturandogli il cranio con le manette che aveva ancora ai polsi; ma la guardia riuscì a resistere e chiamare sua moglie che, arrivata a pistole spianate, costrinse il bandito a ritornare in cella.

Alla notizia dell’ennesima malefatta di Parrott, un gruppo di uomini mascherati fece irruzione nella prigione e, minacciando con una pistola la già malmessa e convalescente guardia carceraria, portò Parrott con sé. Ma non si trattava certo di un salvataggio. Gli uomini mascherati, spalleggiati da più di duecento paesani urlanti, appesero Big Nose George ad un palo e, dopo due tentativi falliti, riuscirono finalmente ad impiccarlo.

Secondo le leggende, una volta tirato giù il criminale dalla forca improvvisata, il becchino ebbe difficoltà a chiudere la bara per via dell’enorme naso di George. Siccome nessun parente si sarebbe mai sognato di reclamare il corpo, le spoglie di Parrott passarono in possesso del dottor John Osborne, affinché potesse studiarne il cervello e capire cosa lo distinguesse da quello di una persona sana di mente e non criminale.

dr-john-osborn
Quello che fece il dottor John Osborne, però, fu del tutto particolare. Assistito dall’allora quindicenne Lillian Heath, Osborne aprì il cranio di Parrott, esaminò il cervello e (sorpresa!) non trovò nulla di particolare. Realizzò una maschera funeraria in gesso del cadavere del bandito: ancora oggi visibile, a questa maschera mancano le orecchie, perché erano state strappate accidentalmente nei tentativi di impiccagione. Ma fin qui, nulla di veramente strano.

Poi però Osborne decise di rimuovere la pelle dalle cosce e dal petto di George, capezzoli inclusi. Li spedì a una conceria, con istruzioni per farne una borsa medica e un paio di scarpe. Quando gli arrivarono, lustrate ad arte, il dottore rimase un po’ deluso che i capezzoli non fossero stati usati; ma le indossò comunque con grande orgoglio (perfino, si dice, nel giorno della sua inaugurazione a governatore dello Stato)… e Big Nose George divenne l’unico cittadino americano della storia ad essere trasformato, dopo la sua morte, in un capo di vestiario.

human-skin-shoes

Il dottore condusse i suoi esperimenti sul cadavere per un anno, conservandolo in un barile di whiskey riempito di una soluzione di sale. Una volta che ebbe finite le sue dissezioni, il barile venne sepolto nel cortile. La calotta cranica venne regalata, come simpatico souvenir, alla giovane assistente, Miss Heath, che sarebbe poi diventata la prima dottoressa femmina del Wyoming, e che negli anni avrebbe usato il macabro resto come posacenere o come fermaporta.

BigNoseBones
L’11 maggio del 1950, durante gli scavi per la costruzione di una banca, alcuni operai dissotterrarono il barile contenente le ossa del fuorilegge… e anche il famoso paio di scarpe. Per fortuna all’epoca la dottoressa Heath era viva e vegeta, e possedeva ancora la calotta cranica di Big Nose George: combaciava perfettamente con il teschio scalottato ritrovato nel barile, e più tardi la prova del DNA identificò senz’ombra di dubbio i resti ritrovati.

lillian-heath-skull-cap
Oggi il teschio di Big Nose George Parrott, la sua maschera funebre e le scarpe forgiate con la sua pelle sono l’attrazione principale del Carbon County Museum a Rawlins, Wyoming, insieme alle scarpe che egli stesso portava durante il suo linciaggio, alle manette e ad altri oggetti. La calotta è conservata allo Union Pacific Museum a Council Bluffs, Iowa. Il resto delle ossa fu seppellito in un posto segreto, e la borsa medica non venne mai ritrovata.

31610759_ea9434bf33

WYRAWshoes

george4-600x399

WYRAWbignose_9888