Digestione di un hamburger

L’acido cloridrico (conosciuto anche come acido muriatico) è il costituente fondamentale dei nostri succhi gastrici. Mentre leggete queste stesse righe, l’acido cloridrico, terribilmente corrosivo, sta ballando nel vostro stomaco… ed è il principale imputato in caso di bruciori o, peggio, di ulcere. Quello che impedisce a questo succo di mangiarvi vivi è una complessa e bilanciata serie di combinazioni: il bicarbonato secreto da alcune cellule epiteliali, lo strato di muco che protegge lo stomaco, ecc. Pensate che vi basta essere morti per un’ora o due, e il vostro stomaco comincia a digerirvi, dando avvio all’affollato e affascinante processo di decomposizione.

Ma come reagisce un acido simile al cibo che ingerite? Ecco una piccola dimostrazione di come l’acido cloridrico riduce un hamburger. Bisogna notare che l’esperimento è in qualche modo viziato, perché nel nostro stomaco non abbiamo soltanto questo componente chimico, e la nostra digestione è molto più complessa e accurata. Ciononostante, il risultato di questo piccolo esperimento è divertente e… nauseante. Perché ci disgusta quello che succede all’interno del nostro corpo?

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=NddZ5ftQb0Q]

MEAT

Dimitri Tsykalov è un artista russo. Utilizza diverse tecniche di scultura per trasformare oggetti comuni in opere d’arte stupefacenti e metaforicamente stimolanti.

Ha cominciato costruendo alcune installazioni che ricreano completamente in legno oggetti che normalmente sono composti di altri materiali: in questo interno di una camera, ad esempio, tutto, dal cuscino alle coperte, al computer, al lavandino, al WC, ogni cosa è interamente scolpita nel legno.

In seguito, ha costruito una Porsche a grandezza naturale, ancora in legno. Le sue sono opere d’arte che ci spingono a guardare diversamente certi aspetti della realtà. Deperiscono velocemente di fronte agli occhi degli spettatori: in un certo senso, offrono delle forme vuote e biodegradabili, come se tutta la nostra tecnologia fosse votata alla distruzione. Questa Porsche non è altro che un segno, riconoscibile, ma il materiale di cui è composta ci rende visibile il suo destino ineluttabile. Basterebbe un po’ d’acqua per rovinarla completamente, e prima o poi la sua struttura si disintegrerà, distruggendo contemporaneamente il simbolo con tutti i valori che ad esso sono connessi.

Stesso discorso vale per gli organi umani in legno: sembrano fissi ed eterni, ma esibiscono anche una fragilità che conosciamo bene, anche se raramente ci soffermiamo a rifletterci.

Per rendere ancora più chiaro il concetto, Tsykalov è poi passato a scolpire teschi ricavati da vegetali: la “vita” di queste opere è ancora minore. Risulta chiaro che le sue non sono altro che moderne vanitas, destinate a ricordarci la futilità delle nostre esistenze.

Ma è con la sua ultima opera che Tsykalov ha davvero creato qualcosa di unico e impressionante. Intitolata MEAT (“carne”), la serie ci mostra i corpi nudi di diversi modelli che impugnano armi fatte di carne, indossano elmetti scolpiti a partire da bistecche e insaccati, sono imprigionati da catene di salsicce.

Queste fotografie toccano alcuni punti precisi del nostro sistema simbolico. Da una parte, ammiccano alla (con)fusione di carne e metallo che gran parte ha avuto nell’iconografia post-moderna. Dall’altra, mostrano una guerra fatta di carne e sangue, in cui l’avanzata tecnologia non appare più fredda e metallica, ma costruita con le stesse logiche del macello. Inoltre, l’utilizzo di hot-dog, hamburger e altre forme di consumo della carne, riporta tutto all’idea del cibo. La bellezza dei modelli contrasta con le macabre situazioni in cui sono coinvolti.

La rappresentazione di Tsykalov mira a mostrare l’essere umano per ciò che è veramente. Un’accozzaglia di bellezza e putridume, violenza ed estasi, bisogni animaleschi e illusioni razionalistiche. Ed è proprio sui simboli che Tsykalov lavora più efficacemente: vedere una bandiera (che potrebbe essere qualsiasi bandiera) completamente composta di carne macellata non può che far riflettere.